Ora indagate anche le società

da Milano
Imminente infornata di indagati nell’inchiesta della Procura di Milano sul presunto «concerto» che si sarebbe compiuto sulle azioni Antonveneta con la regia del banchiere Gianpiero Fiorani.
Il sostituto procuratore Eugenio Fusco sta infatti per iscrivere nel registro degli indagati le società che sarebbero state utilizzate per l’aggiotaggio e l’insider trading sul titolo Antonveneta. Riprendendo i nomi indicati dalla relazione Consob finiranno sotto inchiesta la banca Popolare di Lodi, Magiste International di Stefano Ricucci, Finpaco Project spa e Tikal Plaza sa per Danilo Coppola, Fingruppo holding o Gp Finanziaria per Emilio Gnutti. Tecnicamente l’iscrizione è questione di ore: avverrà tra oggi e gli inizi di settimana prossima, dopo la completa identificazione di tutti i soggetti. In contemporanea, la Procura dovrebbe anche portare le persone fisiche indagate dalle attuali 23 a oltre 40.
Dovrebbero quindi aggiungersi altri 15 imprenditori indicati negli allegati Consob come «concertisti», alcuni banchieri della Popolare di Lodi e collaboratori delle persone già sotto inchiesta.
Infine, le Fiamme gialle hanno presentato la loro informativa in Procura: i 18 bresciani avrebbero guadagnato 110 milioni di euro comprando e rivendendo le azioni di Antonveneta.

Annunci

Altri articoli