Ora l'architetto di Penati tira in ballo D'Alema Il Pd è alla resa dei conti?

Sul Corriere le dichiarazioni di Sarno: "Penati mi disse che l'acquisto gli venne imposto da D'Alema". Gli inquirenti: "Nessun riscontro". Il Pd è alla resa dei conti?

Adesso spunta il nome di Massimo D'Alema. S'infiamma il caso Serravalle che oltre a inguaiare l'ex braccio destro di Pier Luigi Bersani, Filippo Penati, ha decapitato i vertici del Pd lombardo. Come riportano Luigi Ferrarella e Giuseppe Guastalla sul Corriere della Sera (leggi l'articolo), a tirare in ballo l'ex premier è Renato Sarno, l'architetto 67enne incriminato dai pm monzesi come "collettore di tangenti e uomo di fiducia di Penati nella gestione di Milano-Serravalle". Nel mirino l'eccessivo prezzo pagato nel 2005 dalla Provincia di Milano (presieduta da Penati) per acquistare dal costruttore Marcellino Gavio un pacchetto d'azioni della società autostradale Milano-Serravalle. Secondo Sarno, le esatte parole di Penati furono: "Io ho dovuto comprare le azioni di Gavio. Non pensavo di spendere una cifra così consistente, ma non potevo sottrarmi perché l'acquisto mi venne imposto dai vertici del partito nella persona di Massimo D'Alema". Dichiarazioni che, secondo quanto trapela in ambienti investigativi, non trovano alcun riscontro. Tanto che sorge il sospetto: il pd è alla resa dei conti?

Per la prima volta nell'affaire Serravalle, spunta l'ex numero uno dei Ds. Con un tempismo sorprendente l'inchiesta che inguaia i vertici del Partito democratico fa sparire dall'occhio del ciclone Bersani per "sostituirlo" con D'Alema. Secondo la ricostruzione fatta dal quotidiano di via Solferino, il nome di D'Alema spunta nel carcere di Monza durante l'interrogatorio del 4 febbraio. Sarno avrebbe spiegato che Penati aveva indicato nell'allora presidente dei Ds la persona che lo aveva spinto a effettuare un'operazione finanziaria tutt'altro che cristallina. La Provincia di Milano acquistò dal gruppo Gavio il 15% della Milano-Serravalle pagando 8,9 euro ad azione, laddove Gavio aveva pagato 2,9 euro ad azione. Il risultato? Il costruttore portò a casa 238 milioni di euro. Tutto qui? Niente affatto. Nello stesso periodo Gavio appoggiava finanziariamente la "scalata" che l'Unipol di Giovanni Consorte stava facendo alla Bnl prima di essere bloccata per aggiotaggio dai pm milanesi. Un "appoggio" da 50 milioni. A far quadrare i "traffici" della Provincia di Milano e della sinistra lombarda ci ha pensato Sarno: "I miei rapporti con Milano-Serravalle - racconta l'architetto a proposito dell'incarico per una due diligence sulla parte tecnica - iniziarono nel gennaio 2005 in seguito ad una richiesta di Giordano Vimercati". Vimercati è l'ex braccio destro di Penati. "Dopo l'estate del 2005 incontrai Penati che non avevo più rivisto dal 2000, dall'epoca di Sesto San Giovanni - ha continuato l'architetto durante l'interrogatorio - mi disse che era sua intenzione quotare in Borsa la Serravalle, ma che prima era necessario valorizzarla dal punto di vista economico e di immagine".

Come Sarno avrebbe spiegato ai pm Franca Macchia e Walter Mapelli, l'operazione a Piazza Affari sarebbe servita a coprire "le spese sostenute dall'acquisto delle azioni da Gavio". Durante l'incontro con l'architetto, Penati avrebbe, infatti, spiegato che l'acquisto era stato molto "oneroso" e che "gli era stato imposto dai vertici del partito". "Nell'occasione mi fece il nome di Massimo D'Alema - ha spiegato - mi disse che non aveva potuto sottrarsi a questa operazione". Dalle parole di Penati, a Sarno sarebbe, dunque, apparso chiaro che "l'imposizione dei vertici riguardasse il momento e le condizioni dell'acquisto". Non importa poi che, intervistato dal Corriere della Sera, Penati abbia smentito la ricostruzione fatta da Sarno. "Costretto da D'Alema a strapagare le azioni a Gavio? - ha spiegato l'ex presidente della Provincia di Milano - non l'ho mai detto a Sarno, né avrei mai potuto dirglielo perché non è vero: difendo l'operazione Serravalle fatta nell'interesse della Provincia e destinata ancora oggi a procurarle una plusvalenza". "Mi sconcerta il fatto che i due giornalisti del Corriere della Sera non abbiano avvertito l’esigenza di chiedere la mia versione prima di dare diffusione a dichiarazioni inventate di sana pianta, pubblicandole con straordinario e immotivato risalto", ha commentato D'Alema che ha subito incaricato l'avvocato Gianluca Luongo intentare le vie legali contro le "calunnie" riportate dal quotidiano di via Solferino.

Fino ad oggi D'Alema non era mai "spuntato" nell'indagine condotta dai pm di Monza che adesso stanno cercando di capire anche il ruolo di Pier Luigi Bersani, della cui segreteria politica era capo Penati. Il nome dell'attuale segretario del Partito democratico è comparso in un paio di intercettazioni: "quella del 30 giugno 2005, in cui Bersani diceva a Gavio che aveva parlato con Penati - ricorda il Corsera - e quella del 5 luglio 2005, in cui Penati diceva a Gavio di aver avuto il suo numero da Bersani". Una strana coincidenza che l'assalto a D'Alema arrivi proprio quando ha rotto con Bersani? D'altra parte, da quanto trapela in ambienti investigativi, le dichiarazioni di Sarno non solo non troverebbero alcun riscontro, ma sarebbero ritenute "non rilevanti" per il prosieguo dell’inchiesta. L’ex premier, infatti, non è indagato. Penati, invece, ha ricevuto un invito a comparire dalla procura di Monza dopo l’interrogatorio di Sarno del 4 febbraio scorso ma non si è presentato davanti ai magistrati.

Commenti

LAMBRO

Mer, 10/04/2013 - 10:01

E' sicuramente il più furbo di tutti i suoi!!! ma la buccia di banana per bloccargli il colle forse l'ha innescata lo stesso Bersani. Non è un caso che sia l'architetto di Penati (ex segretario di Bersani)a parlare..... e proprio adesso!!!

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Mer, 10/04/2013 - 10:57

la mia impressione è che sono tutte punturine di spilli.questa storia va avanti da molti anni,almeno 10 ,e oggi c'è una replichina a tutto quello che gia si sapeva da subito.Non c'è intenzione assoluta di affrontare questo caso ,perché coinvolge moltissimi esponenti del pd e i vari gruppi di potere che per decenni hanno rubato .è DaVANTI A TUTTI DOPO AVER LETTO QUALCHE SOLA RIGA DI CIO CHE è AVVENUTO, CHE SOTTO C'è TANTO MARCIO DA SPAVENTO. E NON è NEMMENO DIFFICILE FARLO EMERGERE.pERCHE QUESTA INFINITA PAZIENZA?perche, non si vuole portare a fondo con determinazione questa indagine che tutti conoscono e capisconoperfettamente come sia andata?La verita' è sempre la stessa, ed è che la magistratura ha una folle paura a giudicare la sinistra,e se lo fa ,lo fa con tempi biblici, finche alla fine ,non serve piu

nino47

Mer, 10/04/2013 - 11:56

Le "bufere" che si scatenano sui personaggi di sinistra, sono come gli acquazzoni estivi: durano un attimo e ti fanno pregustare "La quiete dopo la tempesta"!

odifrep

Mer, 10/04/2013 - 11:59

Mi fermo al primo ostacolo per commentare: dall'interrogatorio in carcere a Monza, in data 4 febbraio u.s., è venuto fuori il nome di D'Alema. Si fosse trattato di un certo BERLUSCONI, sicuramente e senza ombra di dubbio, prima delle ore 24,oo, questo cognome sarebbe stato sulla bocca dei bambini delle elementari perché l'indomani mattina potesse essere cantato in classe, l'inno contro il Cavaliere. Continuate voi per il resto dell'articolo.............................

il gotico

Mer, 10/04/2013 - 11:59

sono anni che sento il nome di d'alema legato a inchieste sulla sinistra, che puntualmente finiscono nel dimenticatoio, vere o false accuse non saprei, quello che invece vedo è che quest'uomo non lo si sente mai, è stato presidente del consiglio il tempo necessario per garantirsi una pensione e poi il nulla, ricompare ogni volta che ci sono situazioni imbarazzanti per il partito e quando deve portare sfiga all'italia in coppa america, quando c'è lui non si vince mai... magari un giorno troverà un modo per sostenersi senza pesare sulle nostre tasche.

atzori pietrino

Mer, 10/04/2013 - 12:18

La faranno franca anche ora,come sempre, e gli allocchi continueranno a credere alle loro panzane

kihaad

Mer, 10/04/2013 - 12:54

Nooooo, questo personaggio stava bene a PD e PDL per il Quirinale.... E ora come facciamo?

agosvac

Mer, 10/04/2013 - 13:11

Questa è una cosa davvero strana e, francamente, poco credibile. Ma come,penati è stato per anni il braccio destro e sinistro di bersani, visto che era il capo della sua segreteria politica, ed ora spunta il nome di d'alema che di colpe di sicuro ne ha fin troppe, specie nell'affaire Mps, ma che con penati non ha mai avuto a che fare?????????

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 10/04/2013 - 13:31

tradizionale stalinista ancora viva... D'Alema comunque non sarà un santo...

Ritratto di scriba

scriba

Mer, 10/04/2013 - 13:42

UNO DEI DUE. Chi si sporca dei due?

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 10/04/2013 - 13:45

NOO macchè magistratura di sinistra..ma non scherziamo!! eh eh questo qui non lo inquisiscono manco se rapina una banca col mitra e le "molotov" e lo riprendono a viso scoperto in "mondo visione"...

marco46

Mer, 10/04/2013 - 13:57

La sua ombra è onnipresente, non ci mette mai la faccia (tranne che in affittopoli) perchè pizziccato in fragranza. Per il resto i fili li tira eccome.

sale.nero

Mer, 10/04/2013 - 14:02

BUFALE!!!!!! Domani non se ne parlerà più!!!!!!

Ritratto di falso96

falso96

Mer, 10/04/2013 - 14:11

Tra amici ... si sà!!.... Piccoli piaceri si fanno sempre. Le famose "bombe a orologeria" , ora sappiamo chi le confeziona, anche se , in questo caso, il "pacco" non è stato confezionato(come al solito )per omaggiare la dx .. ma da Amico ... all'Amico!!! servito su un "piatto freddo". Notizia ... vera?Falsa? Ma chi se ne frega!!! ormai è stata lanciata.In perfetto stile SX!!

Triatec

Mer, 10/04/2013 - 14:30

Ekkecavolo, non è mica del PDL, tantomeno si chiama Berlusconi, figuriamoci se gli inquirenti non gli danno ragione! Se niente niente, appena un centesimo avesse sfiorato Berlusconi, non solo tutte le procure italiche, isole comprese, si sarebbero schierate con paramenti liturgici, ma sarebbero state sostenute anche dai girotondisti di professione che con manifestazioni oceaniche, avrebbero chiesto giustizia, giustizia vera , per far trionfare la verità e calmare le loro anime pure e moralmente superiori

Giunone

Mer, 10/04/2013 - 14:42

Ma dai baffino! Sappiamo che non ti puoi nemmeno offendere con questa accusa! ormai ti sei abituato ( e prestato) a farti tirare in ballo quando si tratta della difesa del partito dei kompagni... insomma, per te non ci sono problemi dato che poi loro stessi ti lavano il fango... Lo avrebbe fatto un certo B. queste presunte mosse e casca il mondo! In queste ore già tutti giornali del mondo avrebbero avuto la notizia come se fosse la verità assoluta e subito a giudizio. Come dare torto quando qualcuno riferisce "due pesi e due misure".

baio57

Mer, 10/04/2013 - 15:02

Il sinistrume oggi non commenta Serravalle come non commenta il sistema Sesto o MPS . Sono argomentucoli da ignorare ,quisquilie rispetto al "gossip voyeuristico giudiziario" che coinvolge il Cav. Lì sì ,tutta l'intellighenzia del forum a sputare sentenze da buoni moralizzatori quali si ritengono . Ormai li conosciamo bene e seppur con sforzo tremendo ,li compatiamo .

tiptap

Mer, 10/04/2013 - 15:09

Quanto, quanto, QUANTO PEGGIO di chiunque altro devono aver fatto i comunisti se, avendo la magistratura rossa a coprire i loro misfatti, non riescono ad impedire che un po' di puzza esca fuori dai loro intrallazzi. E' vero che il caso Penati è stato insabbiato, imboscato, dimenticato come tanti altri, ma sotto ci deve proprio essere un iceberg gigantesco se tuttavia affiora qualcosa. Idem per MPS, ecc. ecc. ecc.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 10/04/2013 - 15:09

Ormai nel PD è riscoppiata "lotta continua". Ogni boss del partito cerca con tutti i mezzi, coltellate alla schiena comprese, di fare fuori il rivale più diretto. D'Alemma pochi giorni addietro aveva detto: "Bersani è matto". Oggi è arrivata puntuale la risposta per lui da parte dell'architetto Renato Sarno: "L'acquisto (della Milano-Serravalle) mi venne imposto dai vertici del partito nella persona di Massimo D'Alema". E' davvero una goduria vedere dei rottami comunisti mai poentiti darsele di santa ragione per questioni di denaro. Ci penseranno, poi, le prossime elezioni a seppellire definitivamente quei pochi che usciranno vincitori della lotta fratricida.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Mer, 10/04/2013 - 15:14

al posto di compa_gni era più giusto si chiamassero comp ari

Ritratto di .Forza.5

.Forza.5

Mer, 10/04/2013 - 15:19

d'alema silurato! ne danno il triste annuncio pd e pdl

hectorre

Mer, 10/04/2013 - 15:26

...l'architetto è gia stato degradato a manovale...ha osato coinvogere sua maestà baffino!.......immaginate se una simile accusa fosse stata rivolta al cav.!!....baio57,cosa vorresti insinuare!! Che il tesoriere,il braccio destro del segretario e la loro banca di riferimento,mps, agivano per conto del partito???...loro non ne sapevano nulla,capito!!!......io mi chiedo,se non vedono le magagne che hanno dentro casa,come possono gestire un paese intero???...mah,misteri tipicamente italioti

castragalli

Mer, 10/04/2013 - 15:36

anche questa vicenda finirà a tarallucci e cozze pelose in riva al mare..

filgio49

Mer, 10/04/2013 - 16:18

Sinistri, come potrete notare ( a meno che teniate sempre le fette di salame sugli occhi ), anche tra di voi, c'e' gente che ha fatto e sta tuttora facendo i propri affari con i nostri soldi! Quindi smettiamola di tirare la croce addosso sempre al Cav., che fino a prova contraria, ha fatto e sta facendo tutto di tasca propria ( la sola sfiga che ha e' quella di essere di centrodestra ), perché sono certo che se fosse stato sinistro, gli avreste perdonato e concesso tutto.

Ritratto di beppe69

beppe69

Mer, 10/04/2013 - 16:29

le notizie cattive guarda caso se le conservano e le diramano quando è il momento di colpire! C'è qualcuno che non vuole baffino fufu al colle e sgnacchete servito, sputtanamento puro. Del resto quelli che ci governano da tanti anni si sono arricchiti alle nostre spalle e hanno accumulato ossa nell'armadio che si vede e cosi pieno che qualcuna fuoriesce.

m.m.f

Mer, 10/04/2013 - 16:30

...........ma no...........D'Alema?????????? Ma da non crederci!!!!!!! meglio non commentare e non allargarsi a desideri ed auspici................

eglanthyne

Mer, 10/04/2013 - 16:45

X castragalli- Oppure a PANFORTE e VIN SANTO,cordialità.

motofrera

Mer, 10/04/2013 - 16:46

sono atteggiamenti che possono essere assunti da chi pensa di poter contare sull'impunibilità...alla faccia della "questione morale"

MEFEL68

Mer, 10/04/2013 - 17:04

Il dramma dell'Italia è che gli elettori sinistrati hanno la memoria corta perchè dimenticano tutte le malefatte dei loro beniamini; e se, le ricordano, gliele perdonano. A me, se danno una bastonata sulle spalle, istintivamente grido "Ahi!" I sinistrati, invece, prima si voltano per vedere chi è stato, poi decidono se strillare o meno. E' su questa debolezza dei propri elettori che i partiti di sinistra fondano il loro vacillante potere.

Ritratto di fioellino

fioellino

Mer, 10/04/2013 - 17:11

Chi fosse e cosa facesse D'Alema lo sapevano tutti, a Siena, in Toscana, nel Salento, in Italia. Non lo sapeva solo la (S)inistra. La(S)inistra sa tutto soltanto degli altri, chissà perché!? Poi, guai a toccare i komunisti. Loro "ti sbranano". Consenzienti TV e Giornali.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 10/04/2013 - 17:12

oh ma guarda caso.... ora che la faccenda riguarda alla sinistra, i magistrati NON hanno trovato le prove per accusare.... ma tu pensa! ma allora su berlusconi le prove non c'erano? però guarda caso, volevano condannare alla galera berlusconi! senza prove eh! oh ma guarda caso....

Massimo Bocci

Mer, 10/04/2013 - 17:20

Fango ma che fango questi sono affari, come le privatizzazioni, come le coop, come aumma aumma comunali e regionali, comunque anche con il fango si possono fare affari ROSSI, vedi MPS,può essere utile per ricoprire tutto, "avanti popolo".......il cambiamento, nuovi prestanome per i soliti LADR ANTI ITALIANI!!!

Angelo48

Mer, 10/04/2013 - 17:24

28 commenti e nessun ..sinistro a commentare! Strano, molto strano. Il commento molto acuto del lettore ODIFREP e' sintomatico in tal senso. Non c'e' altro da aggiungere! @ eglanthyne un salutone mia cara presidente. Spero tu abbia letto i miei auguri di Pasqua! Cordialità!

castragalli

Mer, 10/04/2013 - 17:26

eh ma "loro" possono.. lo fanno per il bene del paes, ops, partito!

Ritratto di PAYBACK59

PAYBACK59

Mer, 10/04/2013 - 18:23

GL'INQUIRENTI NESSUN RISCONTRO......MA SE SONO 20 ANNI CHE PROCESSATE BERLUSCONI SENZA RISCONTRI MA SOLO CON TEOREMI !!!!!!!!!LE PAROLE PIU USATE ..AVREBBBE ,POTREBBE AVER,AVREBBE FATTO ,AVREBBE CONOSCIUTO ETC.ETC.

ilbarzo

Mer, 10/04/2013 - 18:36

Tutte menzogne.Archiviazione all'istante.Non possiamo permettere di tirare in ballo d'Alema.I comunisti sono immuni da certe beghe.Subito al Quirinale,il posto adatto per i comunisti.

KAVAL

Mer, 10/04/2013 - 19:24

GLI SCHELETRI PD stanno uscendo dagli armadi...

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 10/04/2013 - 20:08

Come son bravi e veloci gli inquirenti. Quando viene toccato un sinistro si affrettano immediatamente a smentire chiunque. "Nessun riscontro", ecco la smentita fulminea.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 10/04/2013 - 20:19

Condivido in pieno il suo pensiero, sig. "odifrep".

Angela P.

Mer, 10/04/2013 - 20:26

Ti conosco mascherina dice Bersani a D'Alema............non era diretta a Berlusconi questa frase ma al kompagno Massimino.

Der Kampf

Mer, 10/04/2013 - 20:36

Al loro confronto la mafia é dilettantismo allo stato puro. Il PC con i suoi derivati ,sono il cancro dell'italia .

Perlina

Mer, 10/04/2013 - 20:42

Già domani non ci sarà più nessun giornale che ci informerà sulla cosa. Ragazzi, stiamo parlando di dalema, quello che sbianchettava. Mica cacchi.

mastra.20

Mer, 10/04/2013 - 21:48

vi ricordo che l'operazione serviva a trovare 50 milioni di euri per la scalata di unipol ad una banca , che mancavano ,che poi l'imprenditore in questione avrebbe , partecipato alla scalata vi ricordate (abbiamo una banca )..la cosa è talmente chiara che come mai nessun magistrato ha preso in considerazione ,hanno usato soldi pubblici per la scalata ,,,hanno la certezza di esseree impuniti ...grazie al magistrato amico di turno..e gli ALTRI, sarebbero gli IMPRESENTABILI ...LAVATEVI,,

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Mer, 10/04/2013 - 21:54

In "conclave" si entra papa e si esce da(..l) Quirinale, pardon, intendevo dire Cardinale. Max, sei ancora "giovane" e hai ancora tempo................ riprova nel 2020.Dalton Russell.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 10/04/2013 - 21:54

mai una prova cpntro d'alema...che parli ai missini si faccia eleggere o fallire banche lui è sempre pulito. i malavitosi imparino

beale

Mer, 10/04/2013 - 22:00

E' colpito dal fuoco amico? Non lo voglio no presidente della repubblica.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/04/2013 - 00:59

Il baffino è un po' come l'eminenza grigia dell'universo rosso. Lui sta nell'ombra e muove i fili. Per questo ha sempre quell'aria leggermente strafottente.

antoniociotto

Sab, 13/04/2013 - 11:16

perchè adesso l'architetto di penati tira in ballo baffino? ma scusate riflettete, tra i tanti meriti questa era sconosciuta all'opinione pubblica. adesso il lider massimo può considerarsi all'altezza di chi lo ha preceduto.

antoniociotto

Sab, 13/04/2013 - 11:16

perchè adesso l'architetto di penati tira in ballo baffino? ma scusate riflettete, tra i tanti meriti questa era sconosciuta all'opinione pubblica. adesso il lider massimo può considerarsi all'altezza di chi lo ha preceduto.

antoniociotto

Sab, 13/04/2013 - 11:16

perchè adesso l'architetto di penati tira in ballo baffino? ma scusate riflettete, tra i tanti meriti questa era sconosciuta all'opinione pubblica. adesso il lider massimo può considerarsi all'altezza di chi lo ha preceduto.