Ora mi aspetto le deportazioni di massa...

Cosa dovrò aspettarmi domattina, aprendo con forte apprensione le pagine di questo mio amato quotidiano, davanti a cappuccino-brioche? Quale altro tragico futuro prospetterà domani Paola Cassandra Balsomini per lo sventurato Grifone? Dopo doppie retrocessioni con penalizzazioni per la squadra, semiergastoli per presidente e dirigenti in aggiunta a severissime sanzoni pecuniarie, temo fortemente che il prossimo vaticinio della cronista, al cui confronto Robespierre era un garantista, sia l’estensione dell’indagine a tutta la tifoseria con inevitabili deportazioni di massa. Di certo la signora (la cui fede calcistica non conosco, ma...) sembra divertirsi un mondo a spaventarci al mattino presto; la prego, non ci costringa a negarci la lettura delle pagine nostrane, per non far ricorso a massicce dosi di Tavor.
Quanto all’editoriale di sabato di Lussana, di cui apprezzo e condivido le mille battaglie, mi verrebbe da chiedergli, in gergo calcistico, se stiamo guardando la stessa partita. Meglio puliti in B che marci in A, dice. A parte il fatto che la retrocessione non ci salverebbe certo l’onore, ma lei forse considera la serie A come il luogo di ogni cristallina virtù, dove possono albergare solo gli ottimi, gli onesti, i probi? Suvvia, non mi deluda; in realtà, persino Sconcerti lo sta ripetendo all’infinito, quello è il paradiso degli impuniti; più grossi sono e più grosse le fanno, e meno pagano dazio. Ma Lei lo sa benissimo, se non erro è romanista..... (ma se fosse juventino o laziale sarebbe anche peggio).

Annunci

Altri articoli