Ma ora il Milan vuole Buffon e Trezeguet per la Champions

Il dg Braida non molla il portiere e pensa al francese in attacco con Gila. Dida verso Manchester, Suazo e Oddo più lontani. La Samp scarica Vieri

Roberto Bonizzi

Braida può compilare la lista della spesa. Dopo la sentenza il Milan può pensare a un’altra stagione ad alti livelli. Il primo nome è quello di Buffon. Il verbo usato dal suo procuratore (Martina) perde forza di giorno in giorno: da un «resterà» si è passati a un «dovrebbe restare». Tesi avvalorata anche da contatti tra via Turati e l’Inghilterra per la cessione di Dida. La squadra interessata al brasiliano è il Manchester United che si è sentita chiedere 11 milioni di euro. Il giro si dovrebbe chiudere con Amelia prelevato dal Livorno e girato alla Juve, con Coppola che lascia Milanello per passare in amaranto.
Resta da riempire anche la casella della seconda punta. I nomi non sono molti. C’è Crespo, che il Chelsea vuole solo vendere (e non prestare). C’è Suazo, ma il Cagliari inizierà a trattare solo da 15 milioni, poi a salire fino a 20, questa la valutazione di Cellino. Oppure spunta anche Trezeguet, che arriverebbe da Torino in coppia con Buffon. Non esattamente una seconda punta, ma un giocatore che potrebbe integrarsi con Gilardino. In stallo la situazione di Oddo per la fascia destra. Il Milan offre 2,5 milioni, che per Lotito sono pochi. I rossoneri sono stati superati da un club straniero e il terzino è pronto a trasferirsi.
La Sampdoria, invece, non aspetterà Vieri. È saltato l’incontro tra il procuratore del bomber, Berti, e il ds Marotta: niente di ufficiale, ma i blucerchiati non sono disposti ad attendere oltre. Il contratto verrà rescisso. Avanza a piccoli passi il rapporto tra Inter e Vieira. Il responsabile del mercato nerazzurro Branca non è volato a Londra ieri come previsto. Sarà il centrocampista a raggiungere Milano. Domani o all’inizio della prossima settimana. Per chiudere manca qualche dettaglio. Per l’attacco Mancini potrà contare su Toni solo quando Moratti accetterà la cifra chiesta da Della Valle: 25 milioni. Al suo posto Prandelli avrà Iaquinta (ma Pozzo vuole 16 milioni) oppure Huntelaar dell’Ajax, che non convince per l’inesperienza.
Intanto si è scatenata l’asta per il cileno Jimenez. Tra Juve, Roma e Palermo l’ha spuntata la Lazio. Attivissimo il Torino. Perso Liverani si ripiega su Barone o Pizarro e ci sarebbe anche Fiore, ma il Valencia vuole 2,5 milioni. Per la difesa Stovini e Stankevicius. Per l’attacco: Makinwa, Cruz o Di Vaio.