Ora la sensualità sta nel tallone scoperto

L'ultima tendenza sono le «mules», le scarpe aperte dietro per essere comode e modaiole

«Mamma diceva sempre che dalle scarpe di una persona si capiscono tante cose. Dove va, cosa fa, dove è stata». Ma cosa direbbe la mamma di Forrest Gump sulle donne rimaste in ciabatte? Questa, infatti, è la stagione di pantofole, sabot, slippers e mules, dei piedi «dans la terre». Un inno alla comodità e alla versatilità, ad un modo di sentirsi dentro. Scarpe non sexy - ci sono tanti altri accessori per questo - ma sensuali. Sì sensuali, perché pantofole, sabot, slippers e mules che dir si voglia, lasciano scoperti i talloni, che catturano l'essenza femminile come un tempo faceva il collo.

I talloni, dunque, invitano alla scoperta, ma per essere eleganti, graziosi e leggiadri devono essere trattati con cura. Allora andrebbero sfruttati: lo scrub e il brushing sotto la doccia per levigarli; i massaggi con un prodotto ad hoc, per evitare che si riduca lo spessore del cuscinetto di grasso sotto il calcagno; le passeggiate a piedi nudi sull'erba, un esercizio che ossigena la pelle. Infine, che siano pantofole, sabot, slippers o mules, il tallone deve essere ben sostenuto senza sporgere nemmeno di un mezzo millimetro. Al gusto, invece, non si comanda. Con o senza tacco, di pelle o tessuto, con le perle o i cristalli, con le frange o le piume, in tessuti jacquard e stampe tappezzeria. Basta osare, anche piedi «dans la terre».

MTiz