Ora si fa anche il nome del ministro Stanca: «Solo voci»

Il responsabile dell’Innovazione entrerebbe in gioco se la Moratti non accettasse. Nei giorni scorsi si è parlato anche di Tabacci

Candidato sindaco? Il ministro Lucio Stanca non dice no e non dice sì. E forse è il modo migliore perché il nome cominci a circolare oltre i soliti mormorii e rumors di città. Il giorno prima era stato Bruno Tabacci, ex presidente della Lombardia e commissario milanese dell’Udc, a non escludere di poter correre come sindaco, almeno nella preselezione delle Primarie. Ieri è toccato al ministro all’Innovazione, Lucio Stanca, rispondere ai giornalisti durante il Cisco Expo 2005. Un pressing di stampa dovuto anche all’assenza della candidata numero uno (anche se non ancora ufficiale), Letizia Moratti.
«Sono solo voci» si è schermito Stanca, che però ha ricordato la sua milanesità di adozione: «Già mi impegno, sì sono milanese. Vivo da 45 anni a Milano». Nato a Lucera, nel Foggiano, è residente a San Fermo della Battaglia, in provincia di Como, con la moglie e le due figlie. In più il ministro è milanese per cultura e formazione: si è laureato in Economia e Commercio alla Bocconi e a Milano ha lavorato per molti anni, come presidente e amministratore Delegato della Ibm Italia.