Ora si può comprare un quadro per aiutare le vittime del sisma

Un quadro per una stufa. Un disegno per un sacco a pelo. Una stampa per una coperta. L’arte scende in campo per aiutare l’Abruzzo e i suoi abitanti che, a causa del terremoto, hanno perso molto, quando non tutto. Fino al 13 giugno, alla galleria MondoPop sarà possibile comprare - spendendo una cifra che va dai 50 ai 500 euro, per tutte le tasche quindi - una delle opere esposte realizzate dai 26 artisti che hanno risposto all’appello della galleria romana in via dei Greci.
L’iniziativa si chiama molto semplicemente «Una mostra per l’Abruzzo» ed è stata organizzata per devolvere interamente il ricavato della vendita all’acquisto di beni indispensabili, che saranno portati direttamente ai volontari che stanno prestando servizio nei paesi colpiti, per la distribuzione alle persone che ora ne hanno bisogno.
Gli artisti, provenienti da Roma e da altre parti d’Italia, hanno donato le opere rinunciando a qualsiasi forma di guadagno perché «questa è una mostra dedicata a un posto e a delle persone che ora hanno bisogno di tutti noi, senza stare a perdere tempo a cercare colpevoli, perché quelli ci sono, o pensare a come si poteva evitare, perché si poteva evitare, lo sappiamo. Ma a noi piace pensare all’adesso», spiega Marco «about» Bevivino, artista e organizzatore della mostra alla galleria MondoPop, sottolineando che «con questa mostra noi vogliamo solo comprare cose, lasciandoci consigliare da chi sta lì, e se diamo via tutto si va a fare la spesa, quella bella grossa che aiuta tante persone».
Da El-Rana a Diavù, da Emiliano Riot a Sone, da Fidia a Cesko, gli autori coinvolti hanno messo insieme le 28 coloratissime opere che fanno bella mostra di sé nella galleria nata con l’intento di far entrare l'arte nella vita di tutti i giorni della gente comune. Per chi non avesse ancora risposto all’appello di MondoPop, quale migliore occasione di questa? Un’opera d’arte non solo rappresenta un investimento che fa bene agli occhi e all’anima, ma grazie a questa iniziativa diventa un gesto utile che fa del bene anche al prossimo.