Gli orari dei bus sul telefonino Ma non sono segnalati i ritardi

Sul telefonino hi tech arrivano gli orari degli autobus che però non servono a niente. Come per il sito online http://m.orariotrasportiliguria.it si può consultare l'orario standard, ma non quello reale con i ritardi che, purtroppo, nel trasporto pubblico, risultano frequenti.
L'iniziativa è stata presentata ieri dal manager politico che si occupa dei Trasporti. Vestito gessato, cappotto in grisaglia, camicia azzurra su misura con in piccolo risalto le cifre blu in tono con la cravatta regimental, cintura fiammante con scarpe nere lucidissime. Si è presentato così il «popolar-yuppie» assessore di rifondazione comunista Enrico Vesco in via Dante a Genova, dove è stato inaugurato il nuovo utilissimo «servizio». Qualcuno gli ha obiettato che per conoscere ore e minuti delle partenze dei bus basterebbe chiedere, semplicemente, una cortesia all'autista «come si faceva una volta». Altri hanno verificato che basterebbe inforcare gli occhiali e sbirciare le «paline» ai capolinea, già fornitissime di avvisi e quant'altro. Altri ancora hanno arricciato il naso perché la nuovissima tecnologia non è alla portata di tutti, soprattutto dei più anziani. L'assessore regionale non si è scomposto più di tanto.
«L'iniziativa è a costo zero - ha commentato serafico Vesco - e integra i vecchi sistemi di informazione. C'è chi guarda al passato. Noi guardiamo al futuro. Pensiamo anche a un'integrazione informativa con i servizi su rotaia, ma stiamo incontrando difficoltà».
Per fare funzionare il servizio «QR Code» della Regione, occorre disporre di un telefono cellulare di ultima generazione dotato di fotocamera e con connessione web su cui sia stato scaricato gratuitamente da Internet un software apposito. Secondo gli inventori «basterà» inquadrare il QR Code affisso alle «paline» dei capolinea, fotografarlo e ottenere così gli orari di partenza. Semplicissimo. Come chiedere: «Scusi, il bus a che ora parte?».
Ieri Vesco ha parlato anche della rottura della trattativa fra sindacati e azienda Amt stigmatizzando taluni atteggiamenti del «francese» amministratore delegato. L'assessore ha lasciato poi intendere che il biglietto dell'Amt salirà a 1,50 euro come nei giorni scorsi si era ipotizzato. Si tratta di una delle tariffe più alte a livello nazionale ed europeo.
A Roma un biglietto Atac costa 1 euro per 75 minuti e risulta valido su metro, treno e bus. Stesse condizioni e prezzo per un biglietto Atm a Milano. Un biglietto Gtt a Torino costa 1 euro per 70 minuti. Un biglietto Anm a Napoli costa 1 euro per 90 minuti.