«Ore 11. A mio figlio è stato vietato di nascere»

Abbiamo tutti il bisogno intrinseco di amare ed essere amati. Magari desideriamo avere un coniuge che ci amerà. Desideriamo anche ricevere affetto dai nostri genitori, dai nostri figli. Sin da piccoli ci vengono raccontate storie di personaggi affascinanti che si innamorano e vivono per sempre felici e contenti. L’amore viene menzionato nelle canzoni e celebrato nelle poesie. Non vi è impresa o attività che sia iniziata con simili speranze e illusioni, che tuttavia cada così regolarmente, come l’amore. Anzi, spesso i legami più intimi sono anche i più burrascosi e invece di procurare gioia duratura fanno soffrire. In diverse nazioni circa il 40% dei matrimoni finiscono col divorzio, e molte coppie che non divorziano non sono affatto felici.
In molti Paesi si assiste inoltre a un aumento sia delle famiglie con un solo genitore che di quelle in crisi, in cui a soffrire sono anche i figli. Ma allora, dov’è finito l’amore? Sull’argomento i consigli non mancano. Terapisti e consulenti offrono il loro aiuto. I talk show televisivi ne parlano spesso. Ci sono molti siti Internet che si propongono come guida per trovare l’amore. Per non parlare di psicoterapeuti, psicologi e astrologi.
L’amore è un argomento che fa vendere libri e riviste, i quali a volte contengono promesse esagerate. Per esempio, un libro promette di dirvi «come potete riuscire a far innamorare di voi chiunque vogliate». Un altro promette di rivelarvi «come trovare il partner perfetto in appena un mese». Un mese è troppo? Allora un altro libro vi svela come «In 90 minuti o anche meno» qualcuno può innamorarsi di voi per sempre.
Buona parte di questi consigli sono a pagamento, e molte persone pagano due volte. Pagano in termini economici per ottenere il consiglio. Quando il consiglio si rivela sbagliato, e succede spesso, pagano perché le cose non sono andate come si aspettavano.
Per certi versi, quasi tutti noi siamo soggetti all’influenza dei media. Sin da piccoli, siamo bombardati dalle immagini irreali e dagli stereotipi di sesso, amore e romanticismo così duri a morire proposti dalla cultura popolare, tramite film, programmi televisivi, libri, riviste, radio, pubblicità e persino cronaca. Nella maggioranza dei casi, il modo in cui i mass media presentano il sesso, l’amore e i sentimenti romantici crea o alimenta delle aspettative irrealistiche che molti di noi non possono ignorare del tutto. Ci rendono insoddisfatti del nostro partner e anche di noi stessi. Il vero amore non è solo una questione di sentimenti, un’emozione travolgente che ci prende quando si incontra la persona giusta. L’amore reale è molto più di un sentimento. Sono senz’altro coinvolti i sentimenti, ma l'amore è un profondo legame che include anche principi e valori e che non smette mai di crescere se viene nutrito e curato adeguatamente. L’amore raccontato nei romanzi è piuttosto semplicistico; il vero amore, invece, richiede impegno. Capire le differenze tra l’uno e l'altro permette di evitare aspettative irrealistiche e impedisce di fare promesse di cui in seguito ci si potrebbe pentire.