Ore 7: in azione la squadra sveglia-clochard

Un discreto colpetto di tosse e poi la solita frase: «Buongiorno signore. È ora della sveglia». È l’alba e una squadra speciale dei vigili comincia il suo giro per le vie del centro cittadino per svegliare i barboni che hanno trovato riparo per la notte in qualche anfratto della metropoli. Sono cinque gli uomini in divisa del «Nucleo servizi mirati». Per qualche ora avvicinano i clochard milanesi chiusi nelle loro scatole di cartone e li fanno sgomberare. Ormai conoscono i loro clienti, i circa sessanta clochard che popolano gallerie, vicoli chiusi e androni della city addormentata. Quella metropoli che al suo risveglio non li troverà più. Se tra loro scorgono qualche volto nuovo lo registrano: nome, cognome, ultimo indirizzo conosciuto. Ogni mattina dalle 7 in poi lo stesso tragitto, ogni mattina le stesse facce. È una ronda un po’ speciale. Dopo arriva l’Amsa a cancellare le tracce dei bivacchi della notte.