Ore contate per la vita bassa a scuola ritorna il grembiulino

Il ministro dell'Istruzione Gelmini rilancia l'idea: &quot;In aula ci vuole eguaglianza sociale&quot;. Presidi e psicologi favorevoli, genitori no <em>(nella foto: il tronista Costantino Vitagliano)</em>. <strong><a href="/sondaggio_1a.pic1?PID=64">Sei d'accordo? VOTA</a></strong>

E adesso come al solito non ci si metterà d’accordo su niente, perché noi italiani siamo così, come un vecchio spot con la Ferilli al cellulare «quanto ce piace chiacchierare...». Piuttosto che risolvere un problema, un’equazione algebrica fratta, un cateto uguale all'ipotenusa moltiplicata per il seno, siamo disposti a tutto, basta non rinunciare al gratuito sperpero delle ore passate a chiacchierare.

Giusto nel giorno del suo compleanno il ministro all’Istruzione Gelmini Mariastella, cognome e nome come pretende l’appello, ha risposto, interrogata: «Gli scolari di nuovo con il grembiule? E perché no...».

L’idea in verità non è sua, ma di Gabriella Giammanco, che ha trentun’anni, ma ancora l’aria della vicina di banco, quella brava e studiosa che non ti passa mai un compito e che non ti fila neanche di striscio. È una delle parlamentari più giovani, è in commissione Cultura della Camera a Montecitorio, e per lei il ministro, che ha solo quattro anni di più, ha solo belle parole: «Il grembiule è un fatto di ordine ma anche di uguaglianza sociale tra ragazzi, soprattutto ora che va tanto di moda l’abbigliamento firmato già in giovanissima età. Dare pari condizioni di partenza può essere una proposta interessante ed è curioso che venga proprio da una delle deputate più giovani».

E così è ripartito il dibattito. Con i soliti argomenti. A patto, ovvio, che non si risolva il problema. Grembiulino sì, perché è un mezzo democratico per annullare le differenze sociali, grembiulino no perché è uno strumento per omologare i ragazzi, grembiulino sì perché combatte i virus e i segni del pennarello, grembiulino no perché non basta una divisa per rendere tutti uguali. Presidi e psicologi sono d’accordo, l’associazione genitori no. Ogni tre anni la solita solfa, ma risultati sempre rimandati a settembre.

Ora, diciamolo: il grembiulino fa tenerezza, è il colletto bianco che profuma di amido, le briciole della merenda che ti restano in fondo alla tasca, è il «grembiule nero e fiocco azzurro: per un bambino milanista il primo giorno di scuola è subito un trauma» come dice Diego Abatantuono. Il grembiule a scuola è un po’ il film all’oratorio la domenica pomeriggio, le bustine per fare l’aranciata, le suore nella Prinz, le cartelle in pelo di cavallino, i quaderni a quadretti con i margini al fondo e la tavola pitagorica fino al dodici. Rimetterlo, anche se per ora solo alle elementari, ha qualcosa di antico ma, chissà, forse di inutile.

Perché, se è solo per annullare le differenze, c’è sempre quello che mette il grembiule come il tuo ma capisci che non è come te dalla marca delle scarpe, ammesso che il tuo non costi cinque euro e il suo non sia un modellino di tendenza color tabacco spento e verde chartreuse con finiture in tessuto e laccetti coordinabili.

E se è per il «dovere morale ad un abbigliamento consono alle aule», come pretende il Regio Decreto del 1925, si sa che già dalle medie, del 2008, vanno jeans a vita bassa, tanga e micro top. E qui tornare all’antico è rischioso. Perchè sotto il grembiule potrebbe non esserci niente.

E tu che ne pensi? Rispondi al sondaggio