Orfani di Marrazzo senza vergogna

Va bene che Piero Marrazzo è ormai un ricordo lontano e nemmeno tanto piacevole. Ma i suoi «orfanelli» guidati dall’ex vice Esterino Montino hanno pensato bene di non farlo rimpiangere sfidando il ridicolo. E anche le parole dell’ex governatore, che il 28 gennaio del 2005, quando era in piena campagna elettorale, così predicò: «Le comunicazioni istituzionali servono a poco e io non le farò». Cinque anni dopo, il 18 dicembre del 2009, tutta la giunta ha sfilato sul palco dell’Auditorium con l’abito a festa, per la presentazione del volume «I fatti separati dalle opinioni: storie di cinque anni di governo». Ovvero una comunicazione istituzionale in pompa magna, proprio quello che Marrazzo stigmatizzava, criticava, da cui prendeva le distanze. Non solo: l’incoerenza non è stata gratis, ha avuto il suo prezzo, pagato da noi tutti, stimato in circa 100 mila euro, come denuncia il consigliere regionale del Pdl Fabio Desideri: «Più che un libro sarebbe stato meglio presentare delle scuse».