Oro in controtendenza

Oro in netta ripresa sia sui mercati europei sia su quelli Usa. Il metallo giallo ha dapprima segnato il fixing a 429,10 dollari l’oncia, riportandosi sui livelli massimi dallo scorso 6 maggio. Poi, le quotazioni future sono salite oltre quota 430 dollari. Il recupero è avvenuto nonostante il forte rafforzamento del biglietto verde. Per spiegare questo mistero, i trader citano le ricoperture ma anche la nuova tendenza a sostituire l’euro con l’oro dopo la verticale caduta di credibilità politica della moneta unica. Tra i metalli di base ancora realizzi sul rame.