Le oscillazioni del gusto e della storia

Il mondo dell’arte deve moltissimo a Gillo Dorfles (nella foto) che, nato a Trieste il 10 aprile 1910, non è solo critico e professore universitario di estetica (ha insegnato negli atenei di Milano, Firenze, Cagliari, Trieste ed è stato visiting professor in diverse istituzioni straniere di prestigio), ma anche artista di vaglia in prima persona. Pittore, è stato nel 1948 tra i fondatori, con Monnet, Soldati e Munari, del Mac (Movimento arte concreta). Personalità tra le più attente, colte e sofisticate del Novecento, ha osservato gli sviluppi dell’arte e delle estetiche contemporanee dandone acuta testimonianza in oltre trenta volumi: dall’ormai fondamentale Il divenire delle arti a Le oscillazioni del gusto, da Il Kitsch a Nuovi riti nuovi miti. Senza dimenticare il bellissimo L’intervallo perduto.