Osnato (Pdl): «Il finiano Landi non si dimetta Resta irrilevante»

«Non chiediamo le dimissioni di Landi da assessore, data la sua irrilevanza all’interno della giunta e il tempo a disposizione fino alle comunali». È quanto sostiene il consigliere comunale e vice coordinatore cittadino del Pdl Marco Osnato, sulle polemiche sulla posizione dei finiani in Comune. Il tema è stato sollevato dai consiglieri anche nella riunione fra il gruppo di palazzo Marino e il coordinatore regionale Guido Podestà, con la richiesta di un chiarimento da parte dell’assessore Giampaolo Landi di Chiavenna e del consigliere Barbara Ciabò: «È necessario anche per la loro dignità che prendano una decisione rispetto alla loro presenza nel Pdl».
E il coordinatore regionale del Popolo della Libertà Guido Podestà è tornato sul caso, in un’intervista ad Affaritaliani: «Io - ha detto - valuto quello che è stato deciso prima di tutto a livello nazionale, dove i ministri del governo Berlusconi che sono passati a Futuro e Libertà restano al loro posto. Questo perché? Perché noi abbiamo un impegno con gli elettori, preso insieme a costoro, di garantire il governo su un programma. Questo impegno noi intendiamo mantenerlo, ragione per cui - se Fli non avrà comportamenti difformi - non saranno cacciati né senatori né deputati. Purché ci sia un leale sostegno al governo».
Intanto la consigliera ex An, ex La Destra, ex Pdl a ufficializzato al capogruppo la sua adesione a Futuro e Libertà e il suo passaggio al gruppo Misto.
«Con la presente - scrive Ciabò al capogruppo Giulio Gallera - ti ufficializzo la mia adesione a Futuro e Libertà e contestualmente ti comunico il mio passaggio al Gruppo Misto. Le scelte politiche non condizionano per quanto mi riguarda la stima, l’amicizia e anche l’affetto che mi lega a te e ai colleghi del Pdl. Con la speranza che si possa continuare a collaborare per il bene della città».