Ospedali, «blitz» di Forza Italia ma il Gaslini rifiuta i controlli

Hanno risposto tutti, tranne il Gaslini. Adesso, matteo Rosso il consigliere regionale di Forza Italia si domanda se sia solo «maleducazione», o se sotto ci siano motivazioni politiche. Come che sia, è infuriato. Lui, che considera «la salute dei cittadini la priorità assoluta del mio mandato», s’è messo in testa di toccare con mano le difficoltà che pazienti e personale incontrano quotidianamente negli ospedali. Non potendo farsi ricoverare in incognito in tutta la Liguria, ha pensato di farsi accompagnare dai direttori generali in visite approfonditre alle strutture. Mercoledì scorso ha visitato l’ospedale di Voltri e della Colletta. Prossime tappe saranno Evangelico, San Martino, Villa Scassi, Galliera, Sestri Ponente, Celesia, Gallino, Nervi e Recco.
Un tour de force dal quale si è autoescluso il Gaslini. «Considero gravissimo che, a tre settimane dalla mia richiesta, il direttore generale dell’Istituto non abbia nemmeno avuto l’educazione di rispondere - s’infervora -, Non vorrei vi fosse una chiave di lettura politica, nel qual caso sarebbe ancora più grave rifiutare a un consigliere di opposizione, medico e vicepresidente della commissione regionale competente almeno una lettera di risposta».
E ieri, Rosso ha criticato la presentazione da parte della Regione al consiglio di amministrazione della Società di Cornigliano del progetto del nuovo ospedale per il Ponente genovese, che dovrebbe sostituire il tanto annunciato Ospedale di Vallata: «Oggi si apprende che la penale da pagare alla Pirelli Re in caso di affossamento dell’appalto è di 2 milioni e 600 mila euro, all’incirca quello che ha intascato come acconto alla stipula della convenzione. Oltre a uno spreco di soldi assistiamo all’ennesima presa in giro dei cittadini della Val Polcevera ingannati più volte in assemblee pubbliche dallo stesso assessore con il falso miraggio dell’Ospedale di Vallata e che stanno subendo la chiusura di reparti fondamentali del Celesia e del Gallino». Forza Italia chiederà di mettere all’ordine del giorno della Commissione controlli, presieduta dal consigliere di An Alessio Saso, la verifica degli sprechi di denari per l’ospedale di Vallata.