Ospedali, ispezioni a raffica dei Nas

Dopo il caso del Policlino Umberto I di Roma sono iniziati nelle strutture sanitarie italiane i controlli dei Nas, ordinati dal ministro della Salute

Roma - Sono in corso ispezioni dei Nas in tutta Italia per una verifica dell'igiene e dei profili strutturali degli ospedali. Lo rende noto il ministero della Salute. Su mandato del ministro della Salute Livia Turco, si legge in una nota, "sono in corso da stamattina in tutta Italia le ispezioni dei Nas (Carabinieri per la tutela della salute), per verificare il livello di osservanza delle normative di settore poste a tutela della salute dei pazienti ricoverati e a presidio del corretto esercizio delle attività ospedaliere, con particolare riferimento ai profili strutturali e igienici. I risultati delle ispezioni saranno presentati al Ministro della Salute che li valuterà con il Presidente del Consiglio Romano Prodi e il Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Regioni Vasco Errani".

Da Aosta a Palermo, i carabinieri er la tutela della salute, su mandato del ministro Livia Turco, stanno controllando a tappeto le principali strutture sanitarie per verificare il ivello di osservanza della normativa in merito alla salute dei pazienti ricoverati. Tra gli ospedali sotto controllo, oltre al policlinico Umberto I, prima struttura ad essere stata messa sotto ispezione dopo l'inchiesta del settimanale "L'Espresso", ci sono il policlinico di Milano, il Cardarelli di Napoli, il Careggi di Firenze. I Nas hanno cominciato i controlli dalle prime ore della mattina, (in alcuni ospedali è in azione anche più di una squadra) e in molti casi sono stati accompagnati dal personale della direzione sanitaria delle strutture.