Ospedali, strade e restauri: Infrastrutture presenta il bilancio

Vimercate, Como, Legnano e il blocco sud di Niguarda, quattro nuove strutture ultimate e consegnate alle aziende ospedaliere. Ma altri venti cantieri di edilizia sanitaria aperti, l’avvio del restauro alla Villa Reale di Monza e realizzazione della BreBeMi attraverso la controllata Cal, Concessioni autostradali lombarde. È stato presentato ieri al Belvedere di palazzo Pirelli il bilancio annuale 2010 di Infrastrutture lombarde, la società di capitali interamente posseduta da Regione Lombardia per realizzare nuovi progetti infrastrutturali. Serata dal titolo «La passione del fare, la sostanza dei fatti nel centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia» con il presidente Giovanni Bozzetti, il governatore Roberto Formigoni e l’assessore regionale a Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo. Oltre ai numeri del report annuale, una presentazione di eccellenze italiane. «Un lavoro quello di Infrastrutture Lombarde - le parole del presidente Bozzetti - che consente di migliorare la vita delle persone e che assume ancor più valore in momenti di crisi economica, perché creare infrastrutture per il territorio rappresenta un volano per il sistema economico e produttivo». A bilancio, secondo Bozzetti, oltre alle opere realizzate «un patrimonio di esperienze e professionalità che sono un punto di riferimento a livello nazionale per la realizzazione di interventi a elevata complessità». Come L’Aquila dove in 87 giorni è stata realizzata la nuova casa dello studente o la Regione Calabria «a cui forniremo tutto il supporto necessario per la realizzazione di quattro nuovi ospedali, nel rispetto dei tempi e dei costi preventivati». Per quanto riguarda le infrastrutture, sono stati conclusi i lavori di Palazzo Lombardia e avviata la gara per il recupero e la valorizzazione del corpo centrale della Villa Reale di Monza. Attraverso Cal, invece, a luglio 2010 è stata sottoscritta la convenzione di concessione per la Tangenziale Est esterna Milano, mentre i lavori dell’autostrada BreBeMi, avviati nel luglio 2009 e quelli dell’autostrada Pedemontana, iniziati nel febbraio 2010, «proseguono nel rispetto dei tempi».