Osservazioni sugli alieni

Per alcuni astronomi sono meduse cosmiche che volano nell’aria, tra le nuvole del pianeta Giove. Per la scienza, invece, sono semplici microrganismi batterici, forme di vita alternativa al di fuori del pianeta terra. Comunque li si immagini, la domanda resta sempre la stessa: gli extraterrestri esistono o no? E se ci sono, dove vivono e come sopravvivono?
Per molti anni le teorie sognatrici degli astronomi sulla vita extraterrestre, si sono scontrate con il razionalismo dei biologi considerati «scienziati con i piedi per terra». Ora le divisioni del passato vengono superate grazie all'astrobiologia, ovvero quando astronomia e biologia uniscono le loro forze per cercare di capire se il famoso E.T. esiste veramente.
Ne nasce un libro, intitolato proprio «Astrobiologia: le frontiere della vita» nel quale gli autori Giuseppe Galletta e Valentina Sergi cercano di capire cosa sia la vita, come sia nata, e se ne esistano altre forme al di fuori del pianeta Terra.
Il dibattito si sposta dalle pagine del libro all’incontro con gli addetti del settore e gli appassionati, questa sera alle 18 nei locali dell’Osservatorio astronomico di Brera, in via Fiori Oscuri 4. Un luogo scelto non a caso per parlare di stelle e universo, visti i prossimi appuntamenti in programma dedicati all’astronomia: una due giorni di visite guidate organizzata dall’Istituto di fisica applicata dell’università Statale.
Domani alle 15 e domenica alle 10, con un contributo di 5 euro, si potrà visitare l’esposizione degli strumenti astronomici antichi dell’Osservatorio e salire fino ai tetti di Palazzo Brera, sulla storica cupola di osservazione, per ammirare il telescopio Merz, costruito nel 1863 e utilizzato da Giovanni Virginio Schiaparelli per osservare il pianeta Marte.
Compatibilmente con le condizioni atmosferiche, la visita proseguirà con la salita alla terrazza, da dove è possibile ammirare la città e dove si trova una stazione meteorologica.