Ostia antica, un teatro tutto da ascoltare

Michela Giachetta

Lo spettacolo dentro la storia. Accadrà da oggi al teatro romano degli scavi archeologici di Ostia antica. Lì si svolgerà l’ottava edizione del Festival internazionale di musica, danza, teatro e cabaret, organizzato dall’associazione Cosmophonies. Si parte stasera e poi dritti fino al 17 settembre. Più o meno dritti. È, infatti, prevista un’interruzione dal 16 luglio al 19 agosto. Anche gli artisti e «la storia» riposano.
L’inaugurazione del festival è affidata a un’anteprima assoluta: «Lingua d’amore», uno spettacolo-concerto (come potete leggere nell’articolo a fianco) con Simona Marchini, Magda Mercatali e Emiliano Coltorti. Teatro anche domani con Lella Costa che porta in scena la pièce «Stanca di guerra», scritta insieme con Alessandro Baricco, Sergio Ferrentino e Massimo Cirri (autori e conduttori dei programmi di Radiodue, Caterpillar e Catersport). Lo spettacolo analizza «le mille forme della guerra» con la consueta graffiante ironia di questa signora del palcoscenico. Ironia e comicità in scena anche il 18 giugno con il recital di Jacopo Fo, «Quando fai sesso con gli elefanti non stare mai sotto», mentre il cabaret salirà sul palco l’11 e il 25 giugno rispettivamente con Alessandro Di Carlo e Dado. Ma a Ostia non mancheranno le note. James Taylor Quartet apre il cartellone musicale il 12 giugno: Taylor ha dimostrato di essere un musicista all’avanguardia, che sa confrontarsi con i repentini mutamenti dei tempi, si è mosso a proprio agio tra soul, funk, jazz, e r’n’b, fino a diventare uno dei punti di riferimento dell’acid jazz. Apre il concerto Lara Martelli, giovane cantautrice italofinlandese con una voce tutta da scoprire. Seguiranno Antonella Ruggiero, il 19 giugno, una delle voci più versatili del panorama italiano e il 21 giugno i Negramaro, gruppo emergente del panorama musicale italiano. Le due date del 29 e 30 giugno sono dedicate agli appassionati di operetta e musica classica con la messa in scena de «La vedova allegra» di Franz Lehár. In cartellone per luglio due appuntamenti con lo spettacolo di prosa: il 6 luglio in scena Flavio Bucci con «Il Mercante di Venezia», e il 16 luglio Pino Micol nei panni di Giove nell’«Anfitrione» di Heinrich von Kleist. Il 7 luglio torna la lirica, con la «Traviata» di Giuseppe Verdi, che vede la straordinaria partecipazione del maestro Manuel Mensà, l’unico soprano maschile nella storia ad aver interpretato finora l’impervio ruolo di Violetta Valery in tonalità originale. Tre gli appuntamenti con il cabaret: il 2 luglio con Maurizio Battista, il 5 con il Gran gala del cabaret e il 9 con Enzo Salvi. Il «politico» Daniele Luttazzi intratterrà il pubblico l’8 luglio con il monologo cult «Bollito misto con mostarda». Il 12, invece, la passione, la seduzione e il folklore si intrecciano in «Pasiones», con Erica Boaglio e Adrian Argon, uno spettacolo che ci porterà in Argentina. Il 10 toccherà al recital di Lina Sastri. Dopo la pausa di agosto il festival riprende con un appuntamento di lirica: Il «Trovatore» di Verdi.
Info: tel. 06-56352850.