Ottime le performance del Gruppo Mediolanum

Crescono le masse e la raccolta netta del Gruppo Mediolanum. E' questa la fotografia scattata in base ai dati della relazione approvata dal consiglio di amministrazione del Gruppo e relativa agli ultimi tre mesi (relazione consolidata al 30 settembre scorso).
In particolare le masse amministrate a fine settembre, dopo i primi 9 mesi del 2006, hanno superato i 32 miliardi di euro con un rialzo del 9%, mentre la raccolta netta è stata di oltre 1.700 milioni di euro (+ 27%).
Banca Mediolanum con le sue performance continua ad avere un peso fondamentale sull'andamento del gruppo. L'asso vincente è sempre il comparto del risparmio gestito che è cresciuto del 34% (1.091 milioni di euro).
ll totale dei Clienti è aumentato: 824.700 primi intestatari, 34.200 in più rispetto al 30 settembre 2005 e complessivamente i conti correnti si sono attestati su un totale di 440.382, con un incremento di 67.242 conti rispetto al 2005 (+18%).
Di conseguenza per continuare ad affiancare le famiglie in modo competente, anche l'organico della Rete di vendita di Banca Mediolanum è stato al passo: sono state inserite altre 905 unità sfiorando quota 5.884 Family Banker.
Tuttavia il gruppo guidato da Ennio Doris ha conseguito un utile netto che, se pur alto, è in calo rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso: si è attestato a 166,4 milioni di euro in discesa dell'8%. Ma la ragione della perdita è da ricercarsi nel ribasso dei mercati che ha causato una generazione di commissioni di performance inferiori del 43%.
Con riferimento al mercato domestico (che limitatamente all'utile netto e alle masse include Banca Esperia per la quota di pertinenza pari al 48,5%) è stato registrato un utile netto pari a 166,8 milioni, con un calo del 9% dovuto alle stesse cause che hanno influito sul risultato del Gruppo. A fronte però le masse hanno visto un rialzo del 10% pari a 29.200,5 milioni di euro.
La situazione guadagna invece terreno nel settore previdenziale: i premi lordi relativi alle polizze vita hanno conosciuto un balzo nella misura del 20% (per un totale di 2.194 milioni di euro).
Ottimi risultati anche in termini di raccolta. In particolare quella lorda dell'Asset Management è stata pari a circa 2mila milioni, con un incremento del 65%; mentre la raccolta netta è stata positiva per 1.336 milioni, registrando un aumento del 28%.
Bene anche i mercati esteri con un risultato economico che è migliorato dell'88%. Inoltre le attività in Spagna attraverso Fibanc hanno contribuito all'utile consolidato per 4,5 milioni di euro.
L'intero comunicato si può consultare sul sito Internet www.mediolanum.it.