Otto «ribaltoni» della sinistra: da oggi le Zone sono tutte rosse

Il risultato sorprendente del centrosinistra in città appare ancora più clamoroso nei consigli di zona, dove la coalizione straccia 9 a 0 il centrodestra che fino a oggi governava 8 parlamentini di circoscrizione. A fare la parte del leone è il Pd con sei presidenti, Sel conquista una zona, uno Sinistra per Pisapia e uno l’Idv. Anche se in nessuna zona il centrosinistra ha raggiunto la maggioranza assoluta (in zona 3 e in zona 9 Niguarda è stato a un passo, con un consenso oltre il 49) è riuscito infatti ovunque a prendere più voti della coalizione Pdl-Lega. Affluenza più alta in zona 3, con il 69%, e più bassa, come da «tradizione», nella 1 (65%).
Vero e proprio ribaltamento dei colori dei 9 quartieri, con l’ultima sorpresa del centro storico che nella notte ha invertito il trend che poco prima dell’1 era a favore di Letizia Moratti, complice anche il risultato oltre la media cittadina del Terzo Polo che ha strappato il 7,24%. Nella roccaforte del Pdl, che rimane comunque il primo partito (31,9% contro 26,7% del Pd), Micaela Goren Monti, candidata azzurra alla presidenza (391) voti nella notte è stata sfrattata da Fabio Arrigoni del Pd (485 preferenze). Correva per il Terzo polo la candidata del Nuovo Polo Anastasia Palli, figlia di Cristiana Muscardini. In zona 2 non ha pagato del tutto la linea dura dell’amministrazione dopo gli scontri di via Padova del febbraio 2010: il Pd (25%) infatti, ha preso il doppio dei voti della Lega che esprimeva il candidato presidente della coalizione, anche se il Pdl è al primo posto con 29%. Il governo del quartiere andrà in mano a Mario Villa, che totalizza solo 270 preferenze.
Sorpresa nel consiglio di zona 3 - porta Venezia, Buenos Aires - dove il Pd (29,66%) ha superato il Pdl (27%): la presidenza andrà a Renato Sacristani, lista Sinistra per Pisapia (2,91%) che sfratta Pietro Viola (Pdl). La gestione del Corvetto e Santa giulia (zona 4) ha consegnato il parlamentino nelle mani del Pd pigliatutto: 32,8% contro 27,9% del Pdl. Così Loredana Bigatti con soli 393 voti porta via il trono a Paolo Zanichelli (663) presidente ricandidato dagli azzurri.
Anche in zona 5, quella dei quartiere popolari dello Stadera, che Giuliano Pisapia ha visitato l’ultimo giorno della sua cmapagna, il vento è cambiato: con 1460 preferenze- il secondo presidente di zona più votato - Aldo Ugliano (Pd 30,07%) sale sul trono di zona, sfilandolo al leghista Serina (238 voti).
Ribaltone anche sui Navigli, dove il Pd soprpassa il pdl di 3 punti (30,7% a 27,4%): Gabriele Rabaiotti porta via il posto a Massimo Girtanner (ex An) candidato per il secondo mandato. Non ha pagato nemmeno la gestione del caso Triboniano: in zona 8 infatti Sel registra il suo miglior risultato (4,97) e porta alla presidenza Simone Zambelli, nonostante il pdL rimanga il primo partito con 27,2% seguito dal Pd al 26%. Si conferma roccaforte rossa la Comasina: confermata l’attuale presidente Beatrice Uguccioni, che registra il record assoluto di prefenze con 1678 voti, La zona 7 andrà invece all’Idv, che porterà alla presidenza molto probabilmente Elena Tagliaferri, che ha sorpassato il candidato presidente Anelli.