Otto tigri chiuse in un canile: da 27 anni

Tigri e cani insieme. Nello stesso canile da 27 anni. In gabbie separate, ovviamente. Gli animali non sono certo gli stessi di trent’anni fa ma i loro discendenti, tigrotti e cagnolini. Nati e sopravvissuti in cattività a cinque minuti da Malpensa. Succede al canile Dog’s Ground di Somma Lombardo dove risiedono due tigri femmine adulte, un maschio e cinque tigrotti nati fra il 2007 e il 2008. In mezzo a loro i cani ospiti del rifugio. La notizia è trapelata per caso nei giorni scorsi quando un inviato di «Striscia la notizia» ha visitato il canile per approfondire la storia di un cane. Era sul punto di andarsene quando si è imbattuto nelle celle dei felini. «Nessuna tigre esce dalle gabbie, ci mancherebbe» ha giurato il proprietario Lorenzo Fabris, un passato da domatore e una vita dedicata agli animali. Ma è proprio questo il punto che è costato a Fabris una denuncia per maltrattamento: «Gli animali sono imprigionati - ha testimoniato Massimo Comparotto presidente dell’Oipa, organizzazione internazionale protezione animali -. Vivono da anni rinchiusi in uno spazio troppo stretto, la condizione è incompatibile con il benessere psicofisico». Le tigri si immaginano nelle foreste selvagge dell’India. (...)