Otto voti decisivi: ora il Pdl fa ricorso

Il Pdl del XVII municipio di Roma ha depositato un ricorso al Tar contro l’elezione del presidente del centrosinistra Antonella De Giusti. Lo hanno reso noto il candidato del Pdl Luigi Avveduto, sconfitto per soli otto voti, e il capogruppo del Pdl Luca Aubert. «In democrazia - si legge in una nota - ogni voto conta, e ogni voto va contato e, se necessario, ricontato. Questo è il motivo per cui, tramite gli avvocati Thomas Martone e Rodolfo Capozzi, abbiamo deciso di depositare un ricorso contro l’elezione di Antonella De Giusti a presidente del XVII Municipio, la quale ha evitato il ballottaggio con il Pdl per soli 8 voti». Secondo i due esponenti del Pdl hanno «votato, senza esserne legittimati, decine di persone quali rappresentanti di lista, scrutatori, agenti della forza pubblica e altri non residenti in questo municipio, con l’imprevedibile risultato di consegnare la vittoria al primo turno per un pugno di voti. Il nostro ricorso si basa su questo unico ma incontrovertibile motivo ed è teso, in primo luogo, a costringere la sinistra ad affrontare il ballottaggio e, in subordine, a ripetere tutte le operazioni elettorali».