A ottobre i lavori del tunnel

Francesco Guzzardi

La galleria che unisce via Adamoli con la statale 45, in direzione Bargagli, aveva lo scopo di accorciare i tempi di percorrenza tra la Valbisagno e l'entroterra ligure ma col passare del tempo, per diverse vedute e ragioni, ha creato una rottura tra gli abitanti dei paesi di collina, con quelli della bassa Valbisagno. Da una parte, quelli di Bargagli, Scoffera e Torriglia che apprezzano l'opera e si dichiarano soddisfatti del fatto che senza attraversare Prato, in un batter d'occhio raggiungono le località prescelte, dall'altra quelli di Prato che si lamentano del fatto che nessuno passa più di li e si sentono isolati. Il culmine è stato raggiunto alcune settimane or sono quando, commercianti e abitanti hanno bloccato, senza non pochi problemi, il traffico sia a scendere che a salire. Ma pare che finalmente un'intesa sia stata raggiunta. La settimana scorsa in Provincia, si è tenuto l'incontro tra l'Anas, l'assessore Merella, l'assessore provinciale alla viabilità-mobilità e traffico, Giuseppe Piero Fossati, Giacomo Musso (presidente di circoscrizione) e Mario Margini (assessore al commercio). Proprio l'assessore al traffico, Piero Fossati, ha anticipato al nostro giornale quello che, in via ufficiale, sarà il futuro di questa controversia: «Abbiamo raggiunto un accordo che, spero, porrà fine al problema. Dovremo fissare il giorno della riapertura della strada e la tempistica della polizia municipale per intervenire, i fine settimana, al controllo della regolare viabilità». Per cui verrà riabilitato il semaforo che, con l'ausilio delle forze dell'ordine, regolamenterà il normale deflusso del traffico, e poi?
«Per fortuna, prosegue Fossati, abbiamo trovato i soldi per iniziare i lavori ma soprattutto terminarli, i lavori sono stati appaltati e inizieranno entro il primo di ottobre». In un primo tempo si pensava di eliminare il semaforo e costruire una rotonda, ma alla fine si è scelto di realizzare una corsia di accumulo: «Verrà eseguito l'allargamento della strada a monte e la corsia di deflusso, o di accumulo, sarà come quelle delle autostrade dove, senza nessun semaforo e blocco delle autovetture, le stesse proseguiranno la marcia fino ad immettersi, senza nessun tipo di rischio, sulla carreggiata».
Il primo ottobre inizieranno i lavori, ma quando finiranno?. «Il fatto di avere già a disposizione le risorse economiche anche per terminare i lavori, mi fa pensare che nel giro di sei-sette mesi i lavori saranno terminati». A questo punto pare che nessuna «sorpresa» possa cambiare il destino della statale 45. La strada, per la gioia dei commercianti di Prato, a giorni verrà riaperta e verrà chiusa da ottobre ad Aprile. Ancora sei mesi di sacrificio e alla fine si spera che il tunnel unisca, definitivamente, gli interessi di tutti.