Ousmane e Petrini tra i premiati del «Nonino»

A Sembene Ousmane il premio «Nonino 2007»; a Harry Mulisch il premio «Internazionale Nonino»; a Yves Coppens il premio «Nonino a un maestro del nostro tempo»; a Carlo Petrini il «Nonino Risit d’aur» (barbatella d’oro): sono questi i vincitori dell’edizione 2007 del premio letterario che la nota casa di distillatori friulani assegna da 32 anni ai protagonisti della cultura mondiale. Con Ousmane - è detto nella motivazione della giuria presieduta da Ermanno Olmi - il premio Nonino «vuole celebrare lo scrittore, il grande cineasta, l’uomo di cultura che da sempre si batte contro i mali ancestrali della sua terra»; a Mulisch è stato assegnato l’«Internazionale Nonino» «perchè in lui scopriamo la fusione mirabile tra macrocosmo e microcosmo, una voragine cangiante che lascia affiorare mondi arcani a noi celati, vere opere alchemiche»; Coppens, uno dei padri della paleantropologia, è stato premiato perchè «le sue ricerche non solo hanno fatto luce su nodi irrisolti del nostro passato, ma ci hanno aperto fondamentali orizzonti sul nostro presente, dimostrando scientificamente come, nello scorrere dei millenni, l’acquisito ha prevalso sull’innato, facendo nascere nuovi “istinti” quali quello della libertà o della responsabilità, pilastri della civiltà moderna». Infine il «Risit d’aur», assegnato quest’anno a Petrini, fondatore del movimento «Terra Madre», premio con cui i Nonino intendono in primo luogo sottolineare i valori della società contadina. «Il premio celebra quest’anno un uomo - è la motivazione - che da molti anni si è impegnato a restituire dignità e coraggio a quel mondo contadino che non ha mai smarrito la via maestra e ci ricorda, attraverso il movimento “Terra Madre”, la bontà degli alimenti naturali, valore indispensabile per la nostra esistenza e del futuro del pianeta». I premi saranno assegnati sabato 27 gennaio nel corso di una cerimonia in programma nelle distillerie Nonino a Ronchi di Percoto (Udine).