In overdose con la cocaina nello stomaco Trafficante prima salvato e poi arrestato

È stato prima salvato e poi arrestato. È finito così il «viaggio d’affari» di un sedicente commerciante brasiliano giunto da San Paolo con 150 ovuli di cocaina nello stomaco (dai quali si sarebbero ricavate «dosi» per due milioni) e colpito da overdose. Due finanzieri della squadra antidroga di Fiumicino hanno notato l’anomala dilatazione delle pupille e il malessere manifestati dal passeggero, N.R., 30 anni, durante il controllo. Accompagnato all’ospedale Grassi di Ostia, l’uomo, è stato ricoverato d’urgenza nel reparto di terapia intensiva. Una volta dimesso, l’uomo è stato arrestato per traffico internazionale di droga.