«Pacchetti viaggio» per clandestini

Favorivano la permanenza di stranieri clandestini in Italia, romeni o moldavi o ne agevolano l’uscita con l’utilizzo di documenti falsi o contraffatti. Con tali accuse due romeni, M.R. e N.D.C., sono stati arrestati dalla polizia giudiziaria alla frontiera dell’aeroporto di Ciampino. I due offrivano dei veri e propri «pacchetti viaggio» per clandestini, il cui costo poteva raggiungere anche i 6.000 euro. Meta degli stranieri, per lo più, la Gran Bretagna dove sarebbero stati inseriti illegalmente nel mondo del lavoro. Durante perquisizioni sono stati sequestrati strumenti per la creazione e la verifica di passaporti falsi, numerose foto di persone che dovevano ancora ricevere i documenti contraffatti, decine di passaporti sia autentici sia falsificati pronti alla consegna. I romeni sarebbero gli elementi di spicco di un’organizzazione criminale con legami in tutt’Europa.