Pace-makers intelligenti

Novità nel mondo degli stimolatori cardiaci, più noti come pace-makers. L’ultimo nato, che è stato messo a punto dai ricercatori statunitensi di Medtronic, una delle prime società al mondo nell’area biomedicale, è piccolissimo e completamente automatico: funziona solo quando è necessario e ripristina ogni volta la regolarità della frequenza cardiaca.
Il professor Massimo Santini, presidente dell’Associazione italiana di aritmologia, ne parla come di una «sentinella attenta e superintelligente», pronta ad intervenire in ogni situazione di emergenza, con risultati da lui definiti positivi in 99 casi su cento.
La diffusione dei pace-makers continua a crescere. In Italia, fino ad oggi ne sono stati impiantati 50mila e nel mondo più di un milione. La loro funzione si rivela assai utile per combattere ogni irregolarità del ritmo cardiaco e per evitare lo scompenso, patologia che tutti i cardiologi considerano una grave epidemia per l’elevata frequenza nella terza età.