Pacifisti in piazza contro la base Usa

Vicenza. Circa 400 persone hanno partecipato a Vicenza a una manifestazione contro la nuova base militare Usa. C’erano esponenti pacifisti e dei Beati Costruttori di Pace, parlamentari di sinistra e sindacalisti. È solo l’ultimo atto dell’opposizione della sinistra alla proposta di creare una seconda base militare da 450mila metri quadrati nell’area dell’aeroporto Dal Molin. La nuova struttura, per la quale gli Usa hanno intenzione di spendere 500 milioni di dollari, dovrebbe ospitare 1.800 militari sparpagliati in Italia e Germania. Il governo Berlusconi e il Comune di Vicenza avevano dato l’ok al progetto, ma Prodi ha preso tempo per le pressioni della sinistra radicale. Ora gli Stati Uniti hanno perso la pazienza e vogliono una risposta in pochi giorni: non accettano sedi alternative, in caso di risposta negativa chiuderanno la vecchia base e sposteranno tutto in Germania. Un problema per i 700 civili italiani che vi lavorano.