Padoa-Schioppa: "Il Pil rallenta ma non aumentiamo le tasse"

Il ministro dell'Economia presentando la Finanziaria ai Comuni prende atto che l'economia non tira come il governo aveva preventivato con troppo ottimismo. Nonostante ciò sono confermate le cifre del Dpef sul deficit

Roma - Nel 2008 non si potrà alzare la pressione fiscale. È quanto ha detto il ministro dell’ Economia, Tommaso Padoa-Schioppa, nel corso dell’incontro a palazzo Chigi tra Governo e Comuni sulla finanziaria. In questo modo il ministro tenta di rassicurare i sindaci. La previsione del rapporto deficit/pil per il 2007 sarebbe del 2,7%, mentre per il 2008 sarebbe del 2,2%. La crescita per il 2008 risulterebbe più debole rispetto all’1,9% previsto.

Tavolo tecnico Anci-Governo Avviare un lavoro tecnico che servirà a definire "un documento condiviso" in vista della Finanziaria. È la decisione - si legge in una nota di palazzo Chigi - presa al termine dell’incontro, presieduto dal presidente del consiglio, Romano Prodi, coadiuvato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Enrico Letta - tra il Governo e una delegazione dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) in vista della definizione della Legge Finanziaria.