Padova alza un muro contro gli immigrati

Sessantacinque metri di acciaio speciale e bulloni che diventeranno ottantacinque. Una barriera anti sfondamento spessa 4 millimetri che sale fino a tre metri e scende ad un metro e venti di profondità sotto il livello del suolo, in modo che non ci si possa scavare sotto e che non si possa piegarla. È il muro di via Anelli che il sindaco di Padova ha fatto costruire per proteggere i residenti dal ghetto teatro di scontri tra immigrati, inseguimenti a colpi di asce e coltelli. Il primo cittadino, il diessino Flavio Zanonato, si difende: «È un fenomeno che va capito». La Cdl attacca: «È il fallimento della politica di sinistra».