Il padre cambia casacca? Il figlio diventa assessore

Che un consigliere comunale d’opposizione passi con la maggioranza, può capitare. Ma che il sindaco lo «ringrazi» nominando suo figlio assessore, fa riflettere. È quanto accaduto ad Angri (Salerno), dove il primo cittadino, Pasquale Mauri, dell’Udc, ha piazzato nella giunta comunale il giovane ventitreenne Vincenzo Ferrara. Figlio di Marcello, consigliere d’opposizione traslocato, armi e bagagli, nella maggioranza, addirittura dopo essersi candidato a sindaco contro lo stesso Mauri. «L’ho scelto per le sue qualità», spiega il sindaco. Il rampollo dal canto suo dice: «Essere “figlio di” ha influito poco, ho sempre seguito le evoluzioni politico-amministrative della mia città». Liberi di crederci.