«Padre Galere nuovo martire cristiano»

«Le efferate violenze accadute in Nigeria sono state favorite da un contesto sociale in cui motivazioni politiche locali - in particolare la tensione tra le popolazioni prevalentemente islamiche del Nord del Paese ed il Presidente della Repubblica Federale, originario del Sud e cattolico - si sono mescolate a diffuse reazioni emotive di carattere religioso, in connessione con la vicenda delle vignette offensive per l'Islam». Così l'Osservatore Romano condanna l'uccisione di padre Michael Galere, assassinato in Nigeria. «È la nuova vittima del clima di violenza e di intolleranza che pare diffondersi nel mondo - sottolinea il quotidiano vaticano - dopo don Andrea Santoro, ucciso a Trabzon, in Turchia, lo scorso 5 febbraio, un altro sacerdote ha reso testimonianza al Vangelo con il supremo dono della vita».