Il Paese dove vince soltanto chi crea disagi

U n po’ come il far west, dove vince chi spara per primo, dove vige la legge del più forte, dove per farsi ascoltare occorre alzare la voce. Insomma, in Italia ce la fa chi sbatte i pugni sul tavolo. Più forte che può. Siano i cittadini che non vogliono una discarica vicino a casa. Siano un pugno di paesi che non vogliono che una ferrovia passi proprio nella loro valle. Siano gli autotrasportatori che vogliono maggiori benefici sulla benzina. Siano i tassisti che non vogliono troppe licenze in giro. Siano i metalmeccanici, gli statali, i medici, gli insegnanti che vogliono buste paga più pesanti. Da noi sfilano, manifestano e rivendicano diritti persino i clandestini. Basta gridare, protestare, manifestare, dimostrare, scendere in piazza. Se poi facendolo si arreca qualche disagio o danno agli altri italiani, be’... Meglio ancora, no? Ci sarà qualche politico pronto a fare il tifo per chi contesta. Ci sarà qualche ministro a garantire tutele, privilegi, benefici.