Il Paese genuino narrato da Soldati

Nel novembre di cento anni fa nasceva a Torino Mario Soldati, scrittore, regista e appassionato della buona tavola e del vero vino, scomparso a Tellaro (La Spezia) nel giugno 1999. Sua una trasmissione televisiva che oltre quarant’anni fa fece scoprire l’Italia più buona a un’Italia sempre più ubriaca di boom economico: Viaggio nella valle del Po. Ora la casa editrice DeriveApprodi di Roma, www.deriveapprodi.org, dedica al Soldati gastronomo Da leccarsi i baffi ovvero sia «memorabili viaggi in Italia alla scoperta del cibo e del vino genuino». È un’antologia che raccoglie scritti sul vino, il cibo, l’olio e anche l’acqua, un procedere all’interno del Buon Paese, tutto, dalla Val d’Aosta alla Sicilia con l’aggiunta di un testo su un ristorante italiano di Chicago. I vari capitoli coprono un arco di tempo che attraversa i decenni e sono pieni di aneddoti, del cosiddetto colore e del ritratto di osti, cuochi, amici e produttori di vino. Soldati, come ricorda l’editore, «ama l’umanità civile, semplice, operosa, che dalla terra tira fuori prodotti genuini», sempre più a fatica bisogna oramai aggiungere. E ancora: «Soldati ama l'osteria, il produttore schietto». Molto di quanto predicato oggi nasce da lì.