Un Paese ricco di riso e oppio

STORIA
Ex-colonia inglese, indipendente dal 1948, il Paese è nelle mani dei militari dal gennaio 1962. Nel 1989 la Birmania assunse il nome di Myanmar per dare rilievo alle numerose minoranze etniche.
POPOLAZIONE
Myanmar ha una popolazione di 50,7 milioni di abitanti. I birmani, circa il 70%, sono affiancati da numerose minoranze, in particolare quelle degli Shan (8,5%) a est, dei Karen (7%) nel sud-est e dei Mon (2,4%) nel sud.
ECONOMIA
Già primo esportatore mondiale di riso, ricco di riserve di gas naturale, il Paese è diventato in 40 anni uno dei più poveri del mondo. Il prodotto nazionale lordo per abitante è di 1.200 dollari. Myanmar resta invece uno dei principali produttori di oppio: con l’Afghanistan «assicura» il 90% della produzione di questa droga nel mondo.