Paese romantico, non hard

Il giudice considera «irrilevante» il fatto

Caro Lussana, Le scrivo per ringraziarLa dell’attenzione che «il Giornale» ha dedicato negli ultimi tempi al Comune di Montalto Ligure, amministrato dai miei collaboratori e dal sottoscritto. È per noi motivo di soddisfazione essere presenti sulle pagine di un così autorevole quotidiano, e nel contempo riteniamo di aver individuato un filone, quello romantico, che ci permette di creare una forte identità per il nostro paese. Mi consenta però, lungi dal polemizzare, di sottolineare la presenza di imperfezioni ed inesattezze che l’articolo del 18 settembre riportava. Al fine di evitare che il messaggio positivo che l’amministarzione comunale vuole lanciare con questo progetto venga distorto, Le invio in allegato una breve sintesi della filosofia che anima gli intenti della stessa.
Sindaco di Montalto Ligure

Montalto Ligure Paese Romantico. Con questa definizione l’amministrazione comunale del piccolo borgo medioevale della valle Argentina, situato a pochi chilometri da Sanremo e a mezz’ora da Montecarlo, sta promuovendo un ambizioso progetto socio-turistico.
Vuoi per l’aspetto architettonico: i tipici carruggi che si rincorrono e s’incrociano in volte salendo al castello, di cui resistono pochi ruderi; vuoi per la leggenda dello jus primae noctis. Montalto Ligure ha tutte le carte in regola per essere definito paese dell’amore.
L’atmosfera che si respira nel centro storico, in maniera particolare durante il periodo estivo, quando suoni di violino o di pianoforte provengono dalle persiane chiuse delle abitazioni che ospitano gli studenti dei masterclasses di perfezionamento musicale, richiama numerosi innamorati provenienti da tutta europa.
Sono stati, infatti, celebrati numerosi i matrimoni in paese, in particolare di stranieri, attirati dalla storia d’amore di Giacomo e Francesca scappati del Conte Oberto e dal suo illiberale diritto per fondare un paese libero in cui l’Amore trionfa.
Nascono così numerose manifestazioni, da Montalto Musica, una rassegna di Musica classica che si svolge nella strepitosa pieve di San Giorgio, monumento nazionale in stile romanico dell’XI secolo, ai festeggiamenti di San Valentino al più recente e già premiato come miglior manifestazione della provincia di Imperia Cronica Montisalti (Jus Primae noctis), rievocazione medioevale in costume sulla nascita del paese.
Tutti eventi culturali di un certo spessore che hanno visto la presenza di numerose personalità tra le quali vale la pena citare Arnoldo Foà, Ugo Benelli (tenore) Claudio Desderi, Paolo Rossi, Giacinto Caramia, Nico Orengo, Francesco Biamonti, Ernesto Ferrero.
La proposta di costituire un’associazione dei borghi romantici d’Italia con altri paesi già contattati, tra cui Verona, nasce dall’esigenza di creare una rete tematica. Si sta inoltre lavorando per lanciare un concorso di poesie d’amore, a livello nazionale, con premiazione il giorno di San Valentino a Montalto. La giuria sarà composta da illustri personalità del mondo della cultura e verrà individuato ogni anno un padrino o una madrina d’eccezione, che premierà il vincitore, al quale verrà offerta una settimana di permanenza in paese, per due persone, in un’alloggio che verrà adibito ed arredato appositamente.