Paesi emergenti: export favorito

La crisi ha colpito anche i Paesi emergenti che con le loro economie in fortissima crescita avevano sostenuto la ripresa mondiale. La Cina non cresce più a due cifre ma per il prossimo anno l'aumento del Pil sarà al 9 per cento.

Proprio per rilanciare e sostenere crescita e consumi il governo cinese ha annunciato che investirà, entro il 2010, 568 miliardi di dollari. Un maxi piano di rilancio che permetterà al gigante asiatico di continuare a macinare crescite da record, a vantaggio della crescita mondiale e dell'export dei Paesi occidentali.