Le pagelle degli azzurri

Zurigo - Pagelle degli azzurri dopo la vittoria sulla Francia per 2-0. BUFFON 7: presidia la porta per 45', controllando i tiri da lontano della Francia, quello di Henry alla mezzora su tutti. Sbroglia in uscita sui palloni alti, ma la parata più difficile arriva nel secondo tempo su Benzema a risultato acquisito, ed è ancora una volta da gran portiere
ZAMBROTTA 6.5: dalla sua parte solo pochi minuti Ribery, poi l'uscita gli libera la corsia. E infatti si lancia negli spazi in combinazioni con Cassano, non sempre chiuse col cross giusto.
PANUCCI 7: si piazza dietro e controlla la difesa azzurra con anticipi e posizione, dando sicurezza a tutto il reparto. Preziosissimo. CHIELLINI 6.5: marcatura fisica su Henry, sempre precisa fino all'intervento netto che gli costa un giallo. Poi placa gli ardori, ma è sempre puntuale
GROSSO 6.5: non spinge più di tanto, preoccupato dalla copertura cui lo costringe la posizione di Pirlo a sinistra. Ma quando un paio di volte è lanciato in profondità mostra di poter essere devastante. Solo il palo gli impedisce il gol, al 44' su punizione.
GATTUSO 6.5: si è risvegliato dal torpore e dalla fatica. Corre e lotta su ogni pallone, raddoppiando la marcatura e quando serve rilanciando l'azione.
Dal 37' st AQUILANI sv DE ROSSI 8: è il perno del centrocampo, anzi di tutta la squadra, piazzato lì centrale di fronte alla difesa. E' il più in forma fisicamente, e poi è cresciuto anche in autorità. Esce sempre a testa alta, palla al piede, e rilancia l'azione. Corona la serata con il 2-0, una sventola da 30 metri su punizione in gol con l'aiuto di Henry
PIRLO 7: spostato a sinistra, pare troppo decentrato ma poi si giova della mancanza di un marcatore diretto. Ed a passo cadenzato fa girare l'Italia. Prova il lancio su Toni subito, lo pesca al 24' per l'azione da cui nasce il rigore, che lui va a battere imparabile sotto l'angolino.
Dal 10' st AMBROSINI 6: serve un po' di fiato e corsa, e lui le mette entrambe a disposizione diligentemente.
PERROTTA 6.5: stavolta è la sua partita, stile Roma. Parte da dietro per gli inserimenti, rientra nella linea in copertura. E il suo dinamismo mette spesso in crisi la difesa francese.
Dal 17' st CAMORANESI 6: entra a risultato acquisito, e dà umilmente aiuto, piazzato dietro le due punte ad amministrare palloni e partita
CASSANO 7: dieci minuti di spaesamento, poi quando si impossessa del pallone è un fuoco d'artificio continuo. Duetta sistematicamente con Zambrotta, poi nel secondo tempo prova anche ad andare negli spazi. E comunque mette sempre in crisi la Francia
TONI 6.5: lotta e sbuffa come al solito, e quando al 5' sparacchia fuori il pallone solo davanti a Coupet per troppa fretta sembra un'altra serata segnata. Ma poi si procura il rigore, bravo ad arpionare in area il lancio di Pirlo, e sfiora il gol subito dopo in perfetta girata in area.
All. DONADONI 7: magari tardi, ma alla fine è arrivato ad una formazione logica e conseguente allo stato di forma dei suoi. Questa squadra (anche moltissime altre, per la verità, se lo avessero) non può prescindere da un centrale come De Rossi. Lui finalmente lo ha fatto giocare nel suo ruolo, ed il romanista ha risposto da campione. Questa squadra ha anche uno dei pochi giocatori che fanno la differenza nell'europeo, è Cassano: finalmente ha giocato dall'inizio. Il resto è conseguenza, anche se ' interessante tatticamente lo schema con Perrotta alle spalle di Cassano e Toni, ed anche Pirlo decentrato non e' detto che provochi nocumento alle prestazioni del milanista, come la gara di stasera dimostra.