Pagelle Roma

da Milano

Pochi istanti alla madre di tutti i match, il presidente arriva al Meazza e si trova subito davanti a un pronostico: «La distanza sulla Roma è buona, ci consente di giocare con tranquillità, alla fine comunque sono sempre tre punti, credo che sarebbe un segnale più forte fare una buona partita per dare continuità a questa stagione». Una risposta forse in proiezione Liverpool ma Massimo Moratti è con i piedi ben piantati al campionato e ha una buona risposta per tutti, Mancini, il medico sociale, gli arbitri e la Juventus. Inizia con Mancini: «Giochiamo con una sola punta, non mi sorprende, l’ha già fatto proprio contro Spalletti. La sua polemica con il dottor Combi? A me viene voglia di fare da pacere ma forse la loro è solo scaramanzia. La Juventus e gli arbitri? Ormai i direttori di gara si sono abituati a prendere di tutto, anche le lettere, certo che a me una cosa così non era mai venuta in mente - conclude, ma forse questa è la stoccata decisiva -. Comunque complimenti». A chi? Non lo sapremo mai.
Anche il presidente del Milan Silvio Berlusconi parla di arbitri: «Sono fra coloro che non hanno mai protestato, ma ultimamente certe decisioni arbitrali sono state contrarie a quello che avrebbero dovuto essere. Per cui sono normali e logiche le proteste. C’è sempre stata tensione attorno agli arbitri. Ma mi sembra che sia tutto nei limiti dell’accettabilità».
Da Berlusconi è poi partito l’invito agli arbitri di tutelare i campioni come Kakà: «Temiamo che i nostri giocatori che sono artisti del calcio possano essere costretti a stare fuori perchè incidentati. Gli arbitri devono imporre un calcio meno fisico e soprattutto meno pericoloso». Il presidente ha poi voluto dare una valutazione sulla gara di San Siro: «Discorso scudetto chiuso? È molto probabile che sia così».