LA PAGLIUZZA, LA TRAVE E IL PROF.

Egregio direttore, mi par di notare, nelle lettera del presidente provinciale di An pubblicata ieri, una discreta dose di supponenza.
Libero ovviamente il signor Alfio Barbagallo di andare contro corrente e di non seguire la moda di scrivere a il Giornale; stupisce però che un politico consideri «una moda» le lettere inviate dai lettori al quotidiano di riferimento, che invece denunciano, in molti casi, problemi che investono larghi strati della popolazione. Per quanto mi riguarda, scrivo volentieri a il Giornale e sono lieto quando gli argomenti da me esposti vengono ritenuti meritevoli di pubblicazione: probabilmente sono affetto da conformismo autocelebrativo. Torniamo al presidente provinciale di An, che esce dal silenzio per riconoscere, bontà sua, il forte impulso dato da Berlusconi alla campagna elettorale della Cdl. Egli invita però a non dimenticare i lusinghieri risultati (...)