Paillettes, perline e tulle: l’arte è nei dettagli

da Milano

L’alchimia del desiderio che scatta quando la moda è davvero innovativa, trova un potente alleato nella forza dei dettagli. Piccole astuzie, decori eseguiti ad arte, sogni resi tangibili. Nella collezione di Max Mara spiccavano per ottimismo e gioia il tailleur stampato a fiori e ricoperto di paillettes trasparenti e l’insieme giacca a scatola e pantalone sottile di seta blu oltremare. Alle donne di successo, del resto, piace l’understatement e persino di sera adoreranno l’essenzialità dell’abito camicia ricoperto di paillettes.
Il profilo della donna John Richmond è sexy ma non aggressivo come l’acerba freschezza di Emiliana, italica modella 17enne che il bravo stilista inglese ha voluto sulla sua passerella. Tutti i codici della griffe sono stati esaltati da preziosi sandali a listini di strass e da una felice declinazione di rasi stretch dai colori palpitanti come il rosa shocking e il blu elettrico in sinuosi tubini. Speciali gli ornamenti di rete e perline e l’uso di pelle traforata. I gemelli Dean e Dan Caten di DSquared2 si concentrano nell’uso elegante del denim che si appropria di una nuova sartorialità nel tailleur d’ordinanza, giacca gonna o pantalone. Di sera, invece, trasformano le loro ragazze in nuove Charlie’s Angels ricoperte di lunghe tuniche in crêpe de chine illuminate da collane di maxi gocce di cristallo. Ma a farla da padrone sulle passerelle dell’estate 2009 sono poesia e leggerezza. Da Luisa Beccaria bambini spargevano petali di fiori prima che l’elegante signora regalasse delicate emozioni con abiti, gonne e giacche in pizzo di lucidissima rafia, piccoli tailleur di mikado con enormi volant, spettacolari abiti a spirali di tulle effetto origami. Un notevole lavoro di ricerca ha fatto anche Albino nella prima collezione disegnata per Les Copains con una fresca interpretazione della maglia talvolta iperleggera altre a lavorazione tridimensionale. Memorabile è apparsa la giacca smoking in maglia a punto nocciola con revers di raso. Laura Biagiotti, grande regina del cashmere, che sa magistralmente coniugare fluidità con leggerezza, ha presentato una serie di abiti «fazzoletto» in lino che si ripiegano senza stropicciarsi. Lo stile diventa più easy e la bellezza ha un’autentica sostanza.