Pakistan, cambia legge su stupro e adulterio

Islamabad. La Camera bassa del Parlamento pakistano ha approvato una legge sullo stupro e l’adulterio: da adesso questi reati verranno giudicati secondo il Codice penale e non più in base alla legge islamica. «È una legge storica - ha detto il premier Shaukat Aziz - che dà diritti alle donne». Secondo la vecchia legge, una donna per provare di essere stata stuprata doveva portare in tribunale quattro testimoni maschi e musulmani che avessero assistito alla violenza. I parlamentari islamisti hanno protestato duramente e lasciato l’aula al momento del voto. «Questa legge incoraggerà il sesso libero», ha detto un leader islamico.