Pakistan, missile contro al Qaida: 16 morti

Attaccata una base dei terroristi in un villaggio del Waziristan del sud, zona tribale controllata in parte dai talebani e dagli uomini di Bin Laden

Islamabad - Almeno 16 persone sono rimaste uccise oggi dall'esplosione di un missile lanciato in un'area residenziale nella zona tribale alla frontiera con l'Afghanistan, nel nord-est del Pakistan. Lo ha riferito la televisione pubblica pachistana.
La tv ha inoltre parlato di sette feriti nell'esplosione. Testimoni riferiscono di aver udito numerose e violente esplosioni e affermano che il missile, lanciato da un luogo sconosciuto e che uno tra questi ha colpito un'abitazione nel villaggio di Doog, nei pressi della città di Wana, nella zona tribale del sud-Waziristan.

Stando ad abitanti del luogo, nella zona risiederebbero combattenti stranieri che sarebbero legati ai taleban e ad al Qaida e che avrebbero subito "isolato la zona colpita dall'esplosione e portato via i corpi delle vittime". Il portavoce dell'esercito pachistano, il genarale Athar Abbas, ha dichiarato di aver ricevuto informazioni riguardo ad un'esplosione, ma che non ha ancora dati sufficienti per un bilancio.