Il Palasport come un grande luna park

Fabrizio Graffione

Giostre a cavalli, trenini, roto techno, simulatori, calci, torri a caduta libera, calciometri, pugnometri, gonfiabili, tappeti elastici, vasche con palline, autoscontri, monorotaie, piatti rotanti, distributori e pesche verticali di oggetti, videogiochi, costumi, pupazzi giganti.
Sono oltre cinquanta le attrazioni in vetrina alla prima edizione di Technofolies in programma nel palasport della Fiera internazionale di Genova da domani a sabato. I primi giorni l'orario di apertura è dalle 10 alle 18, l'ultimo giorno dalle 10 alle 16. In scena, ma solo per gli operatori del settore e per gli invitati, vanno le attrezzature usate nei parchi di divertimento di tutto il mondo.
È la più grande fiera europea con attrazioni in funzione grazie anche all'altezza indoor offerta dal palazzetto dello sport di piazzale Kennedy. In totale sono presenti settanta operatori, di cui diciotto esteri: da Austria e Francia, a Germania, Gran Bretagna, Polonia, Spagna, Russia e Turchia. Ci sono i produttori e i fornitori di attrezzature per il ristoro nei luna park, per il settore acquatico, parchi mobili e fissi, attrezzature sportive, playground e audiovisivi, attrezzature per lo spettacolo, componenti elettrici per decorazioni, giochi, sale giochi, oggettistica, abbigliamento, costumi e pupazzi giganti. Il tutto su una superficie di tremila metri quadrati e tutti in funzione.
«Technofolies - spiegano gli organizzatori - è la risposta ad un'esigenza, manifestata ai costruttori dagli operatori dei parchi a tema e dei gestori di attrazioni, di una fiera esperienziale, dove vedere in funzione e toccare con mano le attrazioni. Le aziende che espongono alla Fiera di Genova sono prevalentemente italiane leader sui mercati internazionali. Il padiglione del palazzetto dello sport diventerà, in sostanza, un grande luna park. In programma ci sono incontri e seminari dove i professionisti del settore potranno approfondire le tematiche più attuali».
Tra le novità presentate in anteprima a Genova ci sono giostre rotanti, con bracci dotati di movimento indipendente che rendono il moto dei passeggeri assolutamente casuale e sempre diverso, simulatori di volo con sequenze di filmati ottenuti attraverso le tecniche digitali più avanzate, calci per operatori dello spettacolo viaggiante, la cui struttura rimane fissa sul rimorchio e non ha bisogno di essere smontata per il trasporto. Le attrezzature di grande dimensioni esposte alla fiera sono la torre a caduta libera alta circa dieci metri, che ospita dieci persone, il trenino turistico lungo quattordici metri, gonfiabili giganti di varie forme, giostre di cavalli a due piani. Un roller coaster prodotto in Italia può costare da 500mila euro fino a 3 milioni di euro, un singolo cavallino per una giostra può partire da un minimo di settecento euro per le lavorazioni semplici fino a quattromila euro per i modelli accurati. I tempi di lavorazione per realizzare una giostra di media stazza si aggirano intorno ai tre mesi.