Palazzina ex Alfa addio, hanno vinto le ruspe

Tabula rasa. Questo quanto rimane dell’ex Alfa Romeo di via Gattamelata, abbattuta per lasciare spazio alla rotatoria e al tunnel sotterraneo che collegherà via Gattamelata a piazza Kennedy. A nulla è valsa dunque l'occupazione di Giovanni de Nicola, il capogruppo di An in Provincia, che il 4 agosto si era «blindato » nell’edificio per impedirne la distruzione. Nullo anche l’intervento dell’assessore alla Cultura di Palazzo Marino Vittorio Sgarbi, che si era subito innamorato della causa, e il collega allo sviluppo del territorio Carlo Masseroli. Il motivo della sconfitta? Il mancato vincolo sulla struttura. La palazzina dei primi del Novecento (1908) prestata al cinema ben due volte (set per Luchino Visconti e ambientazione per Rocco e i suoi fratelli) non essendo ritenuta un’opera di pregio storico architettonico tale da giustificare un vincolo monumentale ha lasciato il posto alla modernità e agli sviluppi urbanistici di una Milano proiettata verso il futuro.