Palazzo Doria Spinola Si tuffa nell’estate con la musica classica

Con la classica musica barocca si apre giovedì alle 21 la rassegna intitolata Musica e poesia a palazzo Doria Spinola. La manifestazione, quest'anno alla sua seconda edizione, dopo il grande successo dell'anno scorso nel loggiato di largo Eros Lanfranco, stavolta non sarà dedicata soltanto alla classica e alla barocca come ha spiegato ieri mattina, durante la presentazione, l'assessore provinciale Giorgio Devoto.
«Abbiamo voluto realizzare - spiega Devoto - una serie di concerti, con il validissimo aiuto del Conservatorio Paganini, che vanno oltre la classica musica barocca. Ci sarà un omaggio ai bambini con un'orchestra infantile di studenti del conservatorio dai dieci ai quindici anni, un'happening dedicato al futurismo e al suo centenario con voci elettriche e uno schermo gigante con filmati e proiezioni di diapositive, la celebre chitarra di Pasquale Taraffo che sarà suonata dall'artista genovese Scanu, concludere poi con la musica classica. Vorrei sottolineare anche e ringraziare l'importanza del supporto ricevuto dal prefetto di Genova Anna Maria Cancellieri che si è dimostrata pure entusiasta delle nostre iniziative. A luglio fino alla fine di agosto proseguiremo con una decina di concerti di musica popolare, da Irish a Cuba a Burkina Faso, sotto la Lanterna, dove, ovviamente, non mancherà la musica genovese».
Sfogava sotto le stelle è il titolo dell'evento di giovedì che prevede l'apogeo del madrigale con l'ensemble polifonico Vox Antigua del Paganini diretto da Marco Bettuzzi con Naimana Casanova, Caterina Boetto, Elisa Moretto, Oline Ortvad Hiul, Chiara Bisso, Silvia Manfredi, Alessandro Sartini, Giampaolo Caviglia, Massimo Marinelli, Manuel Pierattelli, Daquian Wang, Marco Bettuzzi, Luca Moretti, Carlo Prunali, Thomas Hansen.
Giovedì 4 giugno sarà la volta di Quando le lucciole s'accendono con l'ensemble dei giovanissimi studenti del Paganini Musica Insieme. L'orchestra infantile è diretta da Oliviero Ferri e è composta da Simone Matteuzzi, Carola Cecchelli, Clarissa Garrubba, Ilaria Scanu, Francesca Traverso, Pietro Genova, Giulia Filippi, Marina Ballestrasse, Gabriele Braga, Laura Sisto, Pietro Romagnoli, Francesco Raspaolo, Matilde Agosti, Cecilia Carbone, Giulia Gatti, Margherita D'Amico. Saranno proposte anche letture di Rachele Ghersi. Giovedì 11 la rassegna dedica una serata al futurismo con Voci elettriche realizzate dalla Scuola di musica e nuove tecnologie del Paganini. Giovedì 18 un altro omaggio, stavolta alla chitarra di Taraffo, con Sei corde sotto le stelle. L'appuntamento serale sarà preceduto da un convegno alle 17 con dibattito, proiezione e ascolto di documenti d'epoca. Martedì 23 la rassegna si conclude con Certe notti la luna traccia un cammino sul mare con la compagnia dell'Alambiq.