Palazzo Ducale si trasforma in un laboratorio di cucina

Due giorni di mostra mercato sui prodotti tipici regionali: olio, sciroppo di rose e «lezioni» di pesto

Al Ducale domani si apre una mostra da apprezzare soprattutto con il gusto e l’olfatto: «Sapori al Ducale» è la prima esposizione di prodotti dell’eccellenza eno-gastronomica della nostra regione, ma non solo. L’iniziativa è voluta dalle Confederazioni agricole liguri che sperano in un sicuro successo, tanto che hanno già pensato di ripetere l’appuntamento ad ogni secondo fine settimana del mese. Il prossimo si terrà il 13 e 14 gennaio, ma modificherà indirizzo: ad ospitare la mostra sarà piazza Caricamento, dalle 9 alle 20. La terza edizione sarà realizzata nella location tra le due che più avrà il gradimento del pubblico tra le due.
Protagonisti della manifestazione sono le aziende agricole e gli artigiani agroalimentari di qualità, contattati e selezionati in base alla tipicità e all'eccellenza della produzione e alla provenienza territoriale, in modo da trasformare la piazza ospitante la manifestazione in una golosa mappa del gusto, comprendente prodotti tipici prevalentemente della Liguria, ma anche dal Basso Piemonte, con i produttori del Monferrato, e di altre Regioni vicine al nostro territorio. Un esempio? Oggi e domani sarà presente un caseificio genovese dell'Alta Val Trebbia che presenterà la filatura della mozzarella in tempo reale davanti al pubblico. Si tratta di un'operazione legata alla nostra più antica tradizione casearia a cui difficilmente abbiamo avuto modo di assistere prima d'ora a Genova, e che lega alla notevole spettacolarità della lavorazione che avviene in tempo reale, anche la possibilità di portare a casa un prodotto più che fresco e genuino. Spazio poi all’olio di oliva derivato dalle olive taggiasche. Ci saranno ben 3 aziende agricole di settore, provenienti dal nostro ponente ligure, che presenteranno, facendoci anche degustare, il risultato della loro diverse produzioni che riusciranno a soddisfare i palati più esigenti e raffinati.
Grande prodotto d'eccellenza genovese sarà lo sciroppo di rose dell'Associazione le Rose della Val Scrivia. Lo sciroppo confezionato secondo l'antica ricetta riporterà sicuramente a molti di noi antichi ricordi legati a nonni o vecchi zii che ci proponevano lo sciroppo di rose non solo come bibita dissetante, ma anche come tisana curativa. Prima dell'utilizzo dei moderni integratori vitaminici e di sali minerali, i giocatori di calcio e gli sportivi in generale, usavano lo sciroppo di rosa come bibita energizzante. Ma saranno presenti la migliore produzione di vini del Monferrato, i tartufi dell’Umbria, il prosciutto crudo toscano.
La Cooperativa La Tavola del Doge e in collaborazione con l'Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori delegati dalle tre Federazioni Agricole Liguri all’organizzazione dell’evento, gestiranno uno spazio-laboratorio l’Officina dei Sapori, nel portico di Palazzo Ducale. Domani alle 18 si potranno prendere lezioni di vero pesto alla genovese.