Per Palazzo Marino animalisti in corsa

Una lista animalista per Palazzo Marino. A guidarla è Lorenzo Croce, presidente nazionale dell’associazione difesa animali e ambiente. Lista, precisa l’aspirante sindaco, che «presenta un patto con i cittadini su quattro punti, tra cui il riconoscimento del ruolo della scuola pubblica e nei parchi cittadini dieci alberi per ogni abitante». Richieste sottoscritte pure dai quarantacinque candidati, di cui ventisette donne, che parteciperanno alla sfida per la conquista di Palazzo Marino. E spunta anche Ambrogio Crespi nella corsa alle comunali. Ad annunciarlo un comunicato firmato da Marco Marsili dei Liberaldemocratici che parla «di candidatura di un’area liberalsocialista» poiché Crespi è pure sostenuto dai socialisti di Bobo Craxi. Simbolo dunque congiunto, quello presentato alla stampa da Marsili che alle politiche si era schierato con Antonio Di Pietro e che, adesso, fa sapere di essere «il numero uno della lista che vuole Crespi sindaco». Scelta di ripiego però: nelle scorse settimane,i Liberaldemocratici, avevano chiesto proprio all’Italia dei Valori di Di Pietro «un segnale per la prosecuzione, su base locale, degli accordi nazionali». Segnale mai arrivato, Crespi candidato.